Visualizzazione post con etichetta various. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta various. Mostra tutti i post

venerdì 7 agosto 2015

Ennesime comunicazioni di servizio

09:28
Sarà interessante riprendere in mano questo post tra qualche anno (sperando che MRR sia ancora qui, tra qualche anno) e ripensare a questo periodo della mia vita.

Il blog è lo spazio nel quale mi sento più vera, in cui non devo pormi filtri per sentirmi socialmente accettata, in cui anche solo parlando di film posso essere totalmente me stessa, senza scendere a compromesso alcuno.
Per questo motivo, quando la vita 'reale' viene a chiedere il conto e mi tiene lontana da qui, io ne soffro sempre più di quanto dovrei.
E forse, ancora più che scrivere, mi manca leggere, vedere le vostre opinioni, imparare cose nuove. Ho quasi sempre dato più importanza ai blog altrui che al mio, perchè quello che avrei potuto imparare altrove lo avrei potuto trasformare in contenuti di migliore qualità per questo spazio rosso a cui tengo così tanto.

Ho tonnellate di film che aspettano di essere visti, di libri che desiderano essere letti. Il fatto che io non stia leggendo è il sintomo più grande di quanto complicata sia questa estate. Da che ho memoria del mio rapporto con i libri, non c'è mai stato un periodo in cui stessi leggendo così poco.
E se quello col cinema è stato un rapporto in evoluzione, sempre in crescita e costante cambiamento, i libri sono sempre stati la mia certezza principale. Io quando non so cosa fare leggo. Io leggo anche se ho qualcosa da fare.
Mi sembra quasi impossibile che io stia qua a cercare di spiegare cose che sono inspiegabili anche a me invece di starmene accoccolata sul divano col caffelatte e il lettore ebook sulle ginocchia.

Eppure è così, questa estate mi sta consumando, la mia testa e i miei pensieri non sono dove dovrebbero stare, perchè quando provo a concentrarmi e a risolvere qualcosa, ecco che spunta qualcos'altro a rubarmi altro tempo e altro respiro.
E sì, forse per la prima volta nella vita mi ritrovo a pensare a quella frase che ho sempre odiato, qualcosa tipo 'Ah! Se avessi giornate da 48 ore!'.
Che poi dare la colpa al tempo è una codardaggine fatta e finita. Se vuoi fare qualcosa il tempo lo trovi, punto e basta, il resto sono scuse.
Quello che manca, qui, in questo momento, è la testa.
Che sta incollata al corpo solo grazie al collo, altrimenti sarebbe abbondantemente volata via, piena di nuvole com'è.

Questo post di giustificazioni inconsistenti per dire che, grazie al periodo intenso e complesso con cui mi trovo ad aver a che fare, agosto sarà un mese un po' così. Ci sarà la mia partecipazione alla Notte Horror, o magari qualche post qua e là tanto per sfogare quel prurito alle dita che mi viene.

Passerà anche questa volta, passa sempre.

Buone vacanze a tutti!:)

lunedì 29 giugno 2015

Almanacchorror: Giugno 2015

11:24
E' quasi ridicola la quantità di film straordinari che sono usciti a giugno.
State a vedere:

8 giugno 1984: i patatonissimi mogwai diventano fenomeno di culto. Esce Gremlins. Tutto quello che ho da dire sul film si trova qui, nella recensione che ne avevo scritto.


12 giugno 1968: release di Rosemary's baby. Mica l'avevo amato, alla prima visione. Poi, ecco, ho guardato bene.

16 giugno 1958: vediamo per la prima volta sir Christopher Lee indossare i panni di Dracula. Il film si chiama Dracula il vampiro. Vorrei saper dire qualcosa di adeguato sulla scomparsa del grande gigante gentile, ma sarebbe niente a confronto di quanto lui con il suo immenso lavoro ha dato a noi.

16 giugno 1960: altra release IMMENSA. Psycho viene portato sul grande schermo. What else?

20 giugno 1975: un nemmeno trentenne Spielberg porta sullo schermo un'icona. Esce Lo Squalo. Potrei fingere di saperne a pacchi, ma in realtà non lo rivedo da tanto, troppo tempo. Per questo motivo vi invito a leggere un altro post, scritto da Lucia de Il giorno degli zombi (qui), che è sicuramente più appassionato e sincero di quanto non sarei io. A me basta dire che son passati 40 anni, ma i brividi sentendo le note della colonna sonora li avete ancora tutti.

22 giugno: compie gli anni oggi quella superba e adorabile faccia di tolla che porta il nome di Bruce Campbell. 
 
 
25 giugno 1982: avete un colpevole. Qualcuno a cui attribuire la colpa delle migliaia di parole con cui vi ammorbo da più di due anni a questa parte. Signori miei, La cosa vede la luce. Il film che ancora oggi terrorizza la persona che mi ha trasmesso la passione che mi porta a rendere pubbliche le mie non richieste opinioni. Mio padre, muratore 56enne, è uno di quegli uomini a cui ti rivolgi per qualsiasi cosa. Costruisce tutto, sistema tutto, risolve tutto, mai spaventato in vita sua, mai niente che lo intimorisca, non ha il minimo senso del rischio nè dell'autorità, è anche abbastanza strafottente. Ma Carpenter è riuscito a mettergli paura. Gliene mette tutt'ora. Forse è quasi più questo a fare paura a me che non il film stesso. Un pezzo di storia della mia casa e della mia infanzia. Il fatto, poi, che sia un film straordinario di quelli che solo il Maestro sa fare, passa quasi in secondo piano rispetto al legame affettivo che provo nei suoi confronti.

26 giugno 1997: L'Off Topic del mese è dedicato al grande amore della mia vita. In UK usciva oggi Harry Potter e la pietra filosofale. E mi fermo qui, vi ho già parlato abbastanza di HP qui.

venerdì 22 maggio 2015

Del perché le femministe dovrebbero amare Game of Thrones

13:51
SE NON AVETE VISTO LA PUNTATA 5X06 FUORI DAI PIEDINI, DANKE.

Ero lì felice e beata che seguivo la mia solita programmazione, quando salgo su twitter a perdere tempo e vedo un trend BELLISSIMO: #BoycottGameOfThrones.

Come mai? mi sono chiesta. Di nuovo? Chi si è sconvolto stavolta per un paio di tette? Il Moige? L'ACR?
Peggio.
LE FEMMINISTE.

Andiamo con calma.
Io non sono femminista. Perché non sono -ISTA di niente. Non credo che le donne siano superiori, credo che le donne siano pari pari gli uomini. Alcune grandiose, alcune mediocri e alcune proprio di merda. Però ho una naturale e banalotta ostilità verso tutto ciò che è pregiudizio, clichè, rappresentazione delle femminucce mongoline.
E fin qui ci siamo.

Cosa è successo in Game of Thrones?
Hanno violentato Sansa Stark.
Cioè, hanno, è stato quel cane maledetto di un Roose Bolton. La loro prima notte di nozze. Come se le quattro stagioni precedenti ancora non ci avessero insegnato a NON sposarci. E come se la povera creatura non fosse già stata schiaffeggiata su e giù per le disgrazie come Loki sbatacchiato da Hulk.

E tutti incazzati, shockati, occesssù l'han violentata, orrore e sgomento. E io, che non sono certo una cima, mi chiedo dove stia il problema. Chiariamo, io sono una che può vedere anche persone scuoiate (oh, ciao Laugier, ti ricordo sempre con affetto) e non fa una piega ma mostratemi uno stupro e sto male per giorni. Sempre se riesco a vederlo (e di solito non riesco).
Eppure, il vedere una scena (peraltro, in modo assai inusuale per la serie di cui parliamo, non è mai mostrato platealmente, ma solo lasciato intuire) di stupro non mi colpisce come donna. Mi colpisce come persona, ma non nel mio essere femmina.
Mi colpirebbe molto di più se non se ne vedessero MAI.
Esistono, ci sono donne che se ne sono vittime, è giusto parlarne. Nasconderli sarebbe controproducente. E' un gesto terribile, impossibile da narrare. Il solo pensiero mi impedisce di trascorrere una notte serena. Ma gli stupri avvengono, e la realtà va affrontata in ogni suo aspetto.
Certo, non sto nemmeno a parlare della concezione di violenza sulle donne nel Medioevo, le scuole dell'obbligo le avrete fatte anche voi.

Parliamo allora del motivo per cui ogni femminista che si rispetti dovrebbe eleggere Game Of Thrones sua personale serie del cuore:

Arya Stark. 
La mia piccolina. Ne vado pazza. Quanto di più opposto alla damina convenzionale di corte, ha amato combattere da sempre. Determinata, testarda, con una volontà di ferro, impavida. Uno sguardo fiero sul mondo. Legata alla famiglia ma indipendente. Potente, guidata solo dall'odio. Spero che abbia trovato la sua strada.

Brienne of Tarth.
Praticamente Arya da grande. Talmente convinta dei propri desideri da convincere l'ostile padre a educarla come un guerriero e non come la lady che lui avrebbe voluto. La cosa che apprezzo di più di lei è il suo non essere omosessuale. Non fraintendetemi, chiaramente non sono omofobica. Però sarebbe stato molto, molto facile creare un personaggio femminile di questo tipo e farla lesbica. O peggio, asessuata. Invece no. Lei maneggia con le spade, ha dimestichezza con la morte, è un cavaliere, ma ama un uomo. Di un sentimento così puro, intoccabile, che vederla parlare di Renly dopo puntate dalla dipartita di lui è ancora di una tristezza incredibile.

Cercei Lannister
Na zoccola infame senza ritegno priva di ogni pudore, alcolizzata, fetente, ma con due palle sotto così.
Alla regina madre il carattere non manca, e nonostante il suo essere un personaggio così negativo, è una madre come tante: disposta a tutto per i figli.

Lady Olenna
UNA BOMBA.
Divertente, intelligente, sarcastica.
La nonna che vorrei.

Catelyn Stark
Il personaggio più umano. Forse non la personalità più prorompente, ma uno dei character più umani. Costretta a sposare un uomo che non conosceva ma che ha imparato ad amare, madre devota. Ma anche consigliere in tempo di guerra e figlia presente. L'ho amata nel momento in cui è riuscita ad ammettere la sua colpa dei confronti del giovane Snow, figlio bastardo del marito che non è mai riuscita ad amare davvero. Comprensibile e onesta.

Sansa Stark
Inizialmente la debolina. Poca personalità, poca rilevanza. Un personaggio così ci stava anche. Alla fine della quarta stagione sembra avere iniziato ad assumere un po' di Sviluppina, e adesso I am Sansa Stark from Winterfell. This is my home. And you can't frighten me.

Margaery Tyrell
Tutta la nonna. Scaltra, molto.
Sa che il suo corpo ha un gran potere, soprattutto nei confronti di un giovincello con gli ormoni che gli sudano fuori dai pori. Adoro i suoi dialoghi con Cercei, il perculo.

Danaerys
Ecco no, lei mi sta sulle balle.
Pardon.

Non c'è un personaggio, UNO, che sia una debolina senza personalità. Sono tutte a modo loro donne intense e potenti.

E, evidentemente voi femministe estreme non l'avete notato, Martin gli stupratori li odia. Ogni suo personaggio maschile è perfettamente studiato in modo che il suo essere 'positivo' o 'negativo' sia determinato anche dal suo modo di trattare le donne.
Guardate Jeoffrey, che messo per la prima volta a contatto con delle prostitute le costringe a farsi del male. O Roose Bolton, appunto, che alla prima notte di nozze violenta la moglie.
E ammirate come Tyrion, il Mastino, a modo suo anche Jaime, o ancora Drogo non abbiamo MAI sfiorato una donna con scopi violenti. (Certo, Drogo porello era maleducato dai quegli zotici dei suoi compagni, poi col tempo si è fatto placare dalla biondina). Tyrion si è tenuto ben alla larga dal toccare la moglie quando si è trovato maritato ad una ragazzina. Il Mastino non solo ha difeso la stessa mogliettina di Tyrion da un tentativo di violenza, ma ha protetto fino alla morte (NE PARLEREMO, DELLA MORTE DEL MASTINO) la piccola Arya. Jaime ha dimostrato affetto e mentalità aperta nei confronti di Brienne, nonostante il rapporto sia nato con dei gran perculi. L'ha trattata da compagna, da complice, all'altezza della situazione, non come un personaggio inferiore. Come fa il tenero Podrick. I personaggi intelligenti non maltrattano le donne, in Got, è talmente ovvio che Martin non ha mai avuto bisogno di sottolinearlo.

Mica è colpa sua se voi non capite niente.

giovedì 8 gennaio 2015

Je Suis Charlie

10:43
Avrei potuto tacere, e magari avrei fatto anche più bella figura.
Riservare un silenzio rispettoso alle persone che ieri hanno perso un proprio caro.

Ma mi riesce difficile.

Ieri delle persone hanno perso la vita mentre svolgevano il loro lavoro, come ogni altro giorno. Ed è allucinante.
Delle persone hanno perso la vita mentre, lavorando, esprimevano se stesse.
E io, che nel mio piccolissimo spazio rosso ho trovato il mio principale spazio di espressione, in cui posso essere me stessa completamente e senza filtri, l'ho sentita forte come una pugnalata.

Ma non è di questo che mi interessa parlare. E' troppo più grande di me, di tutti. Il terrorismo fa paura, ci inchioda anche nei luoghi in cui ci sentiamo sicuri, ci priva completamente di quella libertà che tanto diamo per scontata.
Ma sono solo una bambina, non posso parlare troppo di queste cose, non ne so a sufficienza.
So solo che mi fa paura.

Ma più ancora, e qui arriviamo al punto che mi interessa toccare, mi fanno paura le reazioni a questo evento.
A fronte di tanti messaggi di cordoglio, di solidarietà, di pensiero per le vittime e le loro famiglie, questi eventi portano con sè l'inevitabile massa di decerebrati, che usa l'evento per parlare di sè, per portare acqua al proprio mulino, per insultare.










No, non entrerò nemmeno nel discorso politico. Non è il Salvini politico che mi preoccupa (sì, ovvio, ma non è questa la sede per parlarne), mi preoccupa l'UOMO. L'uomo adulto e vaccinato che non è ancora in grado di scindere l'individuo dalla comunità.

Perché non possiamo semplicemente unirci nel pensiero del dolore di queste persone?
Perché, per una cavolo di benedetta volta, non siamo in grado di smettere di parlare di noi stessi?
Perché il mio vicino di casa musulmano, che lavora regolarmente e paga le tasse, e non disturba e fa sempre le pulizie condominiali quando è il suo turno, deve sentirsi insultato?
Perché deve essere considerato LUI l'eccezione?
Perché i quotidiani internazionali usano la satira per combattere contro chi la satira l'ha ammazzata e invece quelli italiani mostrano le brutali scene dell'assalto, in modo così atrocemente irrispettoso?

Perché i personaggi famosi sfruttano questi eventi per mettersi, una volta di più, in mostra in tutto il loro splendore?









 Perché siamo così?
Cosa è successo all'etica, al rispetto, alla compassione intesa come semplice 'soffro con te' e non come 'oh, poverino, chissà come stai male'?
Sono io che ho sempre vissuto nell'utopia del bellissimo mondo fatato di quando ero più piccola?



Sono arrabbiata con voi, tutti, miserabili parassiti che non conoscete il dolore vero

E ricordatevi che se per la vostra linea di pensiero tutti i musulmani sono terroristi, allora voi cattolici siete tutti pedofili. Meno male che sono atea.


(Mi dispiace per il post sfuriata, se volete domani recensisco un Woody Allen che così ci calmiamo un po' tutti!:D)

venerdì 12 settembre 2014

2 anni di MRR

14:29
Mi è quasi sfuggito.
E' stata una settimana stressante, per non parlare di ieri sera che se non ho rischiato l'esaurimento nervoso di certo l'ho sfiorato abbondantemente.
Quindi il mio pensiero fisso di oggi è: 'Venerdì, venerdì, venerdì, venerdì, grazie a tutti gli dei per aver creato il venerdì.'
Poi apro l'agenda (che io sono una persona piena di impegni e c'ho l'aggggenda), e vedo che è il 12, e il 12 settembre, accantonati gli ipocriti link sulle Torri Gemelle, è il compleanno della cameretta rossa!

Insomma, buon compleanno a questo spazietto che mi è stato di così grande aiuto, nonostante la sua discontinuità del periodo passato. Il mio regalo per il suo compleanno è appunto questo post, che lo faccia respirare un po' dalle solite brutture che l'ho abituato a sopportare, tra morti, zombi e fantasmi, e il mio augurio è che continui con lo stesso entusiasmo. La promessa è che, nel momento in cui tale entusiasmo sarà svanito, sarò la prima a mollare la presa.
Ma non credo accadrà molto presto.
E, siccome in ogni discorso da grande occasione ci vogliono i ringraziamenti, io ringrazio voi perché passate di qui, mi dite la vostra opinione, mi invitate sempre a nuove riflessioni e mi fate divertire. Siete uno dei motivi per cui continuo a scrivere con così tanta passione.
Vivibbì.

Niente cinema, oggi.
Solo una birretta virtuale in compagnia.

giovedì 13 febbraio 2014

I 5 film che un regista deve vedere prima di girare un film horror

10:56
A me le idee per questi post vengono in doccia.
Perchè in doccia io non canto, quindi ho tempo di pensare.
Anche stavolta, come nel primo post ideato mentre mi lavavo, si tratta di un argomento aperto, che possiamo incrementare con i vostri commenti e le vostre idee, che sono sempre benaccette e molto gradite.
Noterete l'assenza di Carpenter e Kubrik. Voluta, non preoccupatevi. Ho solo immaginato che una persona con la voglia di fare un film horror quantomeno La Cosa l'avesse visto.
Iniziamo!

1 - Un film a scelta, ma se li guardate tutti è tanto di guadagnato, di Ti West o Lucky McKee.






Dovete avere ben chiaro in mente il vostro obiettivo, cari registi novelli. Fare un buon film o la notorietà improvvisa? Siccome questo elenco è pensato per persone serie e non per manici di successo, la seconda opzione non è contemplata. The woman, o The house of the devil, i due esempi che vi ho messo sopra, sono quasi sconosciuti alla maggior parte delle persone che incontrate al cinema al sabato a vedere il nuovo film di Verdone. Eppure sono due film che fanno ben sperare per il futuro del genere. Azzardiamo a dire che sono semi capolavori?
Azzardiamo.
Ricordati, futuro regista, che carry on smiling and the world will smile with you*, tanto per fare una vergognosa citazione. Ma il succo è che se fai un buon lavoro prima o poi qualcuno si accorgerà del tuo talento.
E se non se ne accorgeranno le masse fa niente, se ne accorgeranno i blogger, e pare chiaro che i suddetti hanno certamente più rilevanza ai fini del giudizio.


2 - Hostel, di Eli Roth, 2005.


Ecco invece il sunto di tutto quello che NON dovete fare.
Non avete bisogno di grandi nomi (soprattutto non di Tarantino, non rischiate di fargli fare brutta figura) per farvi pubblicità, non vi servono tette vaganti e personaggi stupidi, non vi serve la violenza a tutti i costi, non vi servono i bambini malefici. Ma soprattutto, non vi servono queste cose tutte insieme. Scegliete il vostro obiettivo.
Volete i soldi?
Via ai nomi famosi in locandina e alle tette.
Volete i personaggi stupidi?
No, non li volete.
Volete la violenza?
Concentratevi su quella, ma fatelo bene. Con uno scopo.
I bambini malefici non sono male, in genere, ma devono essere diversi da quelli di Hostel.
Ma TUTTO INSIEME no, per nessuna ragione al mondo.

3 - E tu vivrai nel terrore: L'Aldilà, di Lucio Fulci, 1981.





Scontato, vero?
Ma un film di Fulci a scelta tra quelli della Trilogia della morte è imprescindibile, per due motivi soprattutto.
Il primo è che saper scrivere non è una conditio sine qua non. Chiariamo subito prima che fraintendiate e non sia mai. L'Aldilà è un film caotico, con una trama appena appena accennata, tanto bastava per tenere in piedi un film. E neppure gli attori erano tutti eccelsi, ecco. Ricordo ai gentili ascoltatori che quello che viene magnato dalle tarantole adesso conduce Elisir. Eppure, quanta paura fa. Con quei giochi di immagini, di colori scuri, poi chiari, e l'atmosfera, questo fare solo ed esclusivamente quello che al regista andava. Oltre le convenzioni, le abitudini del cinema italiano anni 80, Fulci aveva una passione e la rovesciava tutta in film così imcomprensibili, come se la conoscenza completa non ci fosse mai concessa. Perché la paura è un sentimento irrazionale, e come tale va presa e gestita, senza mettere tutti i tasselli a posto.
Il secondo motivo è che tutti quanti, io compresa, dovremmo volere più bene alla nostra Italia, che forse non vive un momento splendido, ma che ci ha regalato la grandezza, nel suo essere così bella e nel fare film horror che Hollywood levati.

4 - Session 9, di Brad Anderson, 2001.





Se siete al vostro primo lavoro è probabile che disponiate di ben poca pecunia. Ma guai al primo che sento che dice che questo è un problema. Session 9 è un gioiello low cost, ma gli esempi sono infiniti. Per non essere affatto scontata potrei anche raccontarvi di come ha fatto Raimi a girare La Casa con un paio di dollari in tasca e un paio di amici cretini. O di come Oren Peli ha sbattuto le porte di casa sua e ha girato un film discutibile, ma che ha avuto un successo incredibile. Oppure ancora del giorno in cui Neil Marshall ha trovato l'idea per The descent e ha creato uno dei film migliori degli ultimi anni.
I soldi non fanno la felicità.
Nemmeno quella dei cinefili.

5 - Il cigno nero, di Darren Aronofsky, 2010.





Io non so nemmeno scattare una fotografia senza farla mossa. Ma se avete in mente di fare un film dovreste avere una certa manualità con macchinari di sorta. Se cercate un uomo da cui copiare il modo di gestire le immagini, quello è sicuramente Darren Aronofsky, che in particolare in quest splendore di film distruggi-anima, gioca con lo spettatore, con la macchina, in una costante danza tra cò che è buono e ciò che non lo è. Riflessi nello specchio, il doppio visto in ogni suo aspetto. Nel contesto di un film praticamente perfetto, per scrittura e interpretazioni, una regia che sfiora il sublime è la ciliegina sulla torta, quel qualcosa in più che eleva Darren al ruolo di genio e me all'adorazione più totale.



*



domenica 12 gennaio 2014

Il Museo Nazionale del Cinema di Torino

14:11
Cronaca semiseria di una giornata delirante.

Ore 7.12, il sole non accenna a sorgere.
Sei esemplari umani si ritrovano sul binario 2 della stazione di Piadena, in attesa del treno che li avrebbe condotti a Torino.
Ah, era il 31 dicembre. E ci siamo alzati all'alba. Va da sè che il nostro Capodanno è stato diversamente vivace.

Ore 11 (orari assolutamente imprecisi) , arrivo a Torino.
Dopo un viaggio all'insegna delle imprecazioni in presenza di suore di Erre, giochini sullo smartphone di Alessandro e tanto, tanto, tanto sonno della Elena, siamo arrivati. Dopo aver lasciato 6 EURO (maledetti ladri criminali disgraziati, non li ho ancora mandati giù quei sei euro) per la custodia delle valige e dopo aver trovato l'autobus giusto, troviamo la fermata. Camminiamo, camminiamo, e niente Mole Antonelliana. Eppure non è sottile, ma non la troviamo. Fino a quando la Ele si gira e dice:
'..........che sia quella?'


Mmmmmmh, si.

Ore 12, sempre più o meno, riusciamo a entrare, solo dopo aver notato che a Torino appendono le biciclette gialle ai lampioni.
Prima comunicazione di servizio: se non dico soffrite di vertigini ma anche solo vi intimorisce un attimino l'altezza evitate l'ascensore panoramico. Quel coso è il MALE.
La prima parte del museo, 'Archeologia del cinema' è piena di giochini meravigliosi sulle lenti, gli specchi, le immagini, e noi da bravi bambini li abbiamo provati tutti. Nel senso di tutti, tutti e sei. Roba da fare più di mezz'ora in una sola parte del museo.
Ma c'erano specchi che mi facevano sembrare più magra, quindi non potevo andarmene. Poi c'era l'Amelia a testa in giù, che era anche lei molto carina.
Un sacco di bottoni da schiacchiare, ballerine che giravano in tondo, occhi da appoggiare su tantissime cose da guardare.
Probabilmente la parte più interattiva.
Una goduria per le personcine più mature.


Si sale poi all'Aula del Tempio, che vi offre delle poltroncine tipo chaise longue COMODE DA MORIRE, tanto è vero che un tipo dormiva proprio. Si poteva pensare che stesse meditando sullo splendore della settima arte, ma per me dormiva.
Aula del Tempio che è attraversata in vericale dal MALE (l'ascensore) e che è circondata da tante sale più piccole e 'tematiche' e disposte in un modo che non capisci mai se di lì ci sei pasato o meno.
La cosa migliore è che in un angolo c'era Alien, allora mi sono messa a strillare a Erre di fotografarlo.

'Ma Mari, è scuro, non si ve..'
'FOTO!'
'Vedrai che non si vede niente.'
E infatti.
 







 Ah, poi potrei raccontarvi di quando nella sezione horror hanno proiettato un pezzo de La casa, allora io tutta in fibrillazione ho esclamato che poi quella matita gliel'avrebbe ficcata nella caviglia e tutti a guardarmi male come se fossi una psicotica malata di sangue con strane perversioni.
Che forse è lecito pensarlo.

Sempre lì intorno abbiamo trovato una stanza con tanti gabinetti, Fred Astaire e Ginger Rogers, le capoccie di Star Wars, un frigorifero gigante e una porta con la sagoma di Willy il Coyote che poi abbiamo scoperto che non eri obbligato a passare dalla sagoma perchè la porta si apriva.


 Una volta saliti ci sono:
le scarpe di Marilyn Monroe, i vestiti di Leo 'Academy cagami' Di Caprio (da Gangs of New York), Robocop e un casino di foto. Foto che sono disposte su una rampa che gira tutto intorno all'Aula del Tempio e che siccome se ne sta sospesa nel nulla a me metteva poco a mio agio.


Dando un'opinione seria, per quanto mi sia possibile farlo, il Museo è incredibile. Aldilà di una scelta perfetta per la location, perché già la Mole di suo è splendida, è interessante, stimolante, molto interattivo come piace a me.
L'unica critica che mi sento di muovere è la difficoltà di gestione degli spazi. Le stanze che circondano l'aula principale sono quasi cunicoli, un po' labirintiche, girarle tutte senza ripetersi e riuscendo a concentrarsi sulle cose più interessanti non è così semplice, anche perché le cose da vedere sono infinite.
Ah, avrei voluto che ci dicessero in qualche modo che alla fine della rampa, dopo essere saliti fino a lì, non c'è niente, mannaggialamiseria.




Sito Web del Museo:  http://www.museocinema.it/ 


PS: Io VOGLIO scrivere qualche post normale, sui film e tutto il resto, ma la mia momentanea mania per Sherlock mi sta impedendo di vedere qualsiasi altra cosa che non sia lui.

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter