sabato 26 novembre 2016

Non solo cinema: Infinite Jest

Non mi definirei propriamente determinata, ma a volte mi metto in testa una cosa e non ci dormo la notte finché non me la porto a casa. Volevo leggere Infinite Jest, il portentoso, mastodontico, mitologico Infinite Jest, e nonostante voi mi aveste detto su Facebook (la seguite la pagina fb del blog, vero? sta qui) di iniziare con Wallace da La scopa del sistema, io no, volevo il mattone e mattone fu.


DISCLAIMER:
Non crederete mica che mi sia messa a recensire una oba del genere, vero? Diciamo che questi sono solo dei non richiesti consigli per l'uso. Non vi dico nemmeno di cosa parla, perché secondo me non serve a niente. Se pensate che questa sia una baggianata, non esitate a farmelo notare.

Piccolo momento in cui, come di consuetudine, gioco a fare la maestrina per credermi intelligente: risponde al (bellissimo) nome di Infinite Jest un esorbitante romanzo (1179 pagine di romanzo effettivo a cui fanno seguito un centinaio di pagine di note che, sì, dovete leggere perché sì, sono essenziali alle vicende narrate) scritto nel 1996 da un autore, David Foster Wallace entrato nel mito perché quando le persone si tolgono la vita la conseguenza è entrare nel mito. Ogni lettore amante della letteratura contemporanea americana inciampa prima o poi sulle caviglie di DFW, e io ci sono finita un paio di mesi fa.
A lettura ultimata mi sento di parlarne un po' con voi. Prima di tutto per rassicurarvi: se io sono riuscita a scalare questa montagna incantata, voi potete farcela ad occhi chiusi. Servono giusto un paio di accorgimenti. 

Credo che però sia giusto dire prima di tutto chi non deve leggere IJ: 

  • chi ama l'avventura. Qua non ce n'è, alcuna. Ci sono storie, ci sono eventi, ci sono flashback e ci sono dialoghi. Ma azione proprio no. Succedono cose, certo, ma non lo definirei un libro adrenalinico. E perché si inizino a tirare le somme ci vogliono almeno 800 pagine, prendetevela comoda.
  • chi si trova a proprio agio nel leggere romanzi dalla trama lineare e classica, dove con classica intendo 'inizio - evento sconquassatore - conclusione'. Qua non solo la trama non è affatto lineare, ma non so nemmeno se posso sentirmi a posto con la coscienza a chiamarla 'trama'. È un gomitolo di eventi, un abbraccio di persone le cui storie sono incrociate o si incroceranno nel corso del tempo. Bisogna prestare attenzione alle date, sperando di ricordarsi la data letta all'inizio del capitolo precedente, magari una cinquantina di pagine prima. Bisogna ricordarsi dettagli, aneddoti buttati lì apparentemente per caso, perché TORNA TUTTO. Al limite prendete appunti. Non ammetterò mai di averlo fatto a mia volta. 
  • chi trova piacere nel leggere una scrittura scorrevole, penso per esempio a L'amica geniale della Ferrante. Lo stile di DFW è incantevole. Mi sono ritrovata più volte a fotografare pagine intere per non scordarle. Ma scorrevole proprio no. Le frasi durano pagine intere, a volte bisogna tornare indietro per ritrovarsi, il vocabolario è vastissimo e variegato, mai ripetitivo e quindi talmente ampio da rendersi necessario un giretto su Google ogni tanto per capire bene che ciumbia sta dicendo. Soprattutto se come me non sapete nientenienteniente di tennis, per esempio.

Detto ciò, parliamo di chi invece IJ lo vuole leggere ma desidera qualche dritta da una pirletta che non solo è sopravvissuta alla lettura, ma che si trova anche in condizione di parlarne costantemente.
Il consiglio più importante di tutti è anche il più banale: non sentitevi in dovere di leggerlo. Non solo non vi renderà più intelligenti farlo ma vi farà sentire tremendamente stupidi, perché il confronto con una mente straordinaria è sempre impietoso. Prenderlo come una missione che va fatta una volta nella vita non solo lo renderà un obbligo, ma trasformerà per magia un libro unico in un lavoro, e la sua pesantezza (perché leggero non è) diventerà insostenibile. Godetevelo come il bel romanzo che è, e nessuno si farà male.
Prestate attenzione. Perdersi è un attimo. Come dicevo sopra, ogni cosa narrata serve poi per giungere alla conclusione comprendendo qualcosa. Non siamo dalle parti di Tolkien, in cui si poteva passare velocemente su alcune pagine perché millemilioni di parole per descrivere la Contea non sono esattamente necessarie alla comprensione. Qua si salta una pagina e già si capisce poco e niente. Certo, tenete sempre conto che io non brillo per sapienza, ma è pur vero che in ogni pagina c'è qualcosa che conta.
Non prendete però il tutto troppo sul serio: Infinite Jest è prima di tutto un grosso, gigantesco, perculo. Diventa un po' meno divertente quando ci si accorge di quanto, anni fa, ci avesse preso su alcune faccende (allego screen di tweet della sottoscritta), e su quanto le vittime della sua feroce ironia siamo tutti noi, ma leggerlo fa sghignazzare.



Ma insomma, a me sto libro è piaciuto?
Molto, con un MA.
Infinite Jest ha una scrittura inarrivabile, mai letto niente di simile. DFW ha un modo di utilizzare le parole che mi ha affascinata come mai mi era successo prima d'ora, ed è sbalorditivo. Il mio plauso a chi si è trovato a doverlo tradurre, 'sto lavorone. La mia testa, appassionata di parole più che di ogni altra cosa, ne è stata rapita.
Meno la mia pancia, che come sapete è il motore che guida questo posto. Se IJ prende la mente e la porta da un'altra parte, in un luogo in cui si è costretti a non pensare ad altro che alla famiglia Incandenza, la mia emotività non ne è stata coinvolta in modo eccezionale. Dopo avere letto in giro un po' di info sul romanzo, avevo predetto che mi sarei innamorata di Hal Incandenza, il protagonista (se così si può dire). Invece no, le vicende non mi hanno scombussolato le viscere e non riesco a capire se questo è quello che DFW voleva o se, semplicemente, con me il libro non ha fatto breccia.
Tutto sommato, però, non credo che questo sia un romanzo passibile di opinione personale. Forse nemmeno deve piacere. Deve essere studiato. Quasi non sembra un romanzo, ma più un approfondimento, un'analisi, un saggio, in cui dobbiamo accomodarci per seguire il percorso fatto dal pensiero dell'autore, e lasciarcene trasportare. Un viaggio, un'esperienza, che sono felice di avere fatto. Non escludo di tornare su questa barca, per ora lascio che le parole di DFW continuino a fluirmi nella testa attraverso gli altri libri, avrò tempo per tornare qua e capire quante cose non ho colto a ventisei anni.
Sono certa che sarà un viaggio completamente diverso.



Link utili a chi volesse approfondire la questione:
Il post di Tegamini. Io spero abbiate Snapchat per seguire Francesca anche lì dove francamente dà il meglio di sè. In caso non amiate i social, il suo post su IJ è completissimo, scritto nella spassosissima maniera che la contraddistingue e davvero davvero utile per chi vuole sapere di cosa cavolo parla. 
L'immancabile post de Il Post, prima di tutto per l'amore appassionato che mi lega alla testata online e poi perché quest anno il lavoro di DFW ha compiuto 20 anni e loro giustamente ce l'hanno ricordato.
Un post di Buzzfeed, perché le mie fonti sono sempre di altissimo livello.
Un bellissimo video dell'unica Youtuber italiana che seguo con sincera ammirazione su DFW.
L'ovvio ma utilissimo wikia di IJ. Nel caso vi perdeste, e non sarebbe così assurdo, sarà lui a prendervi per mano e ricordarvi chi cavolo è sto personaggio che avete incrociato per due paragrafi 300 pagine fa.

Da poco è uscita una nuova edizione tascabile (per quanto si possa tascabilizzare) di IJ, la trovate qui:


Infinite jest in italiano
 

La versione in inglese per i più coraggiosi di voi

11 commenti:

  1. Che voglia di rileggerlo che mi hai fatto venire!
    Io l'ho affrontato dopo La scopa del sistema che è a suo modo più facile da affrontare e più lineare, ma non so nemmeno quanti sorrisi inebetiti e quante lacrimuccie mi sono scese leggendo IJ. Ho ancora qualche DFW mancante, e me li godo pian piano, uno all'anno. Non escludo quindi di tornare anch'io su questa barca, perchè la memoria purtroppo è quella che è, e certe sensazioni le voglio riprovare
    Grazie, intanto, per avermene dato un assaggio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo proprio che La scopa del sistema sarà il mio prossimo! Purtroppo ce ne è stato offerto troppo poco, di DFW, dobbiamo centellinarlo.
      E grazie a te!

      Elimina
  2. Mi attende da molto tempo, desiderato e ricercato dopo aver letto Oblio e La ragazza dai capelli strani.
    Mi fa impazzire il modo in cui David Foster Wallace riesca a rendere speciali anche ritagli di vita quotidiana, non descritti in maniera lineare ma presentati, proprio come dici, sotto forma di intricati gomitoli talvolta difficilmente districabili.
    La voglia di leggerlo è aumentata dopo aver letto Come diventare sé stessi di Lipsky con conseguente visione di The end of the tour (se non l'hai ancora visto ed accetti un consiglio, dagli una possibilità!) ed ora potrebbe essere il momento ideale.
    Grazie per questo post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oblio non lo conosco, approfondirò! I consigli qui sono ben accetti, infatti credo che dopo aver letto qualcos'altro di DFW passerò al libro di Lipsky che ha un titolo troppo bello!

      Elimina
    2. Oblio non lo conosco, approfondirò! I consigli qui sono ben accetti, infatti credo che dopo aver letto qualcos'altro di DFW passerò al libro di Lipsky che ha un titolo troppo bello!

      Elimina
  3. Ciao, prima volta che passo.

    Giusto per dirti che IJ è stato bellissimo.
    A tratti, nelle lunghissime pagine in cui Steeply e l'altro tizio se ne stanno a parlare su quel cazzo di monte avevo seriamente voglia di strappare il libro a morsi e buttarlo via
    ma quando ne sono arrivato in fondo ho quasi pianto,ne volevo ancora, Infinite Jest mi era entrato dentro.

    Ecco, ora mi è tornato in mente Povero Tony Krause - che personaggione è?- tossicodipendente di una sfigataggine clamorosa costantemente parte di avvenimenti tragicomici. L'ho amato profondamente.

    Quando ti tornerà voglia di DFW ti consiglio di andare su La scopa del sistema, che è più easy e più godibile. Lì secondo me si legge un Wallace più ggggiovane e ribelle, meno saggista e più surreale. E poi in quel libro c'è l'Anticristo, il fratello della protagonista, che è il personaggio di DFW che ho amato di più.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, benvenuto!
      è stato bellissimo sì ma anche, soprattutto nei momenti che sottolinei tu, un macigno. Steeply e Marathe infiniti e non sempre coinvolgenti, quasi troppo estranei alle questioni per sentirli partecipi.
      Povero Tony Krause spezza il cuore.
      La voglia è presente da subito, sto solo riequilibrando l'universo con un po' di sano Nick Hornby:D La scopa del sistema è quello che in assoluto mi è stato consigliato di più, partirò di certo da quello!

      Elimina
  4. Ecco, la mia più grande paura letteraria dopo Proust...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credimi che è molto più fattibile di quello che sembra, l'aura mitologica serve giusto a intimorire!

      Elimina
    2. Le mille pagina fanno il resto, dici? XD

      Elimina
    3. Se hai letto Tolkien quella della lunghezza non vale come 'scusa'!

      Elimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Instagram

Google+