giovedì 15 ottobre 2015

Spring

All'inizio dell'anno ho visto un film, si chiamava Honeymoon. 
Ogni tanto ci ripenso e ogni volta vorrei piangere. Mi aveva rubato cuore e sentimenti e oltretutto, dettaglio non da niente, quando mi torna in mente il volto di lei che spunta dalla barca dopo avere fatto quello che ha fatto mi piglia un brivido infinito dietro il collo di quelli che ti arricciano i capelli.
E per arricciare i miei serve un miracolo.

Per questo quando si è iniziato a parlare sul web di Spring io ho preso tempo. Non sono dotata di sentimenti ricaricabili, non posso permettere al cinema di privarmi di ogni lacrima, me ne devo conservare qualcuna per dare una parvenza di umanità alla mia vita reale.
Quindi, esattamente dieci mesi dopo, posso dirmi pronta ad affrontare la visione di un film che è piaciuto a TUTTI.
Se non mi piace son fregata. Mi tocca chiudere il blog.


Spring è la storia di Evan, che si rifugia in un paesino della Puglia dopo che la sua vita in California ha smesso di avere un senso. Sua madre è appena morta, suo padre manca da tempo, per colpa di una rissa è impelagato con la polizia e ha perso il lavoro. In Puglia trova una giovane, Louise, con la quale nasce una storia. Non è tutto così idilliaco come sembra.

Quando l'horror decide di incontrare l'amore lo fa con una raffinatezza che se per favore le commedie romantiche si vogliono spostare qui abbiamo discorsi profondi da fare, la porta è in fondo a destra, dove ci stanno sempre i cessi. Honeymoon, citato sopra, era un ritratto di coppia incantevole, Lasciami entrare (qui il post) riprendeva l'amore in un'età in cui forse parlare d'amore è un po' precoce ma senza dubbio adeguato, Spring parla di un amore che sta nascendo e che prima ancora di diventare tale si scontra con una realtà che potrebbe ostacolarne l'evoluzione. Tutti e tre sono di un'eleganza che lascia sgomenti.

La coppia che nasce in questo film in particolare, poi, riprende un po' le caratteristiche delle coppie degli altri due che ho elencato. La complicità e il divertimento sono quelli di Paul e Bea, la sincerità e la semplicità della comunicazione sono quelli di Eli ed Oskar.
Perché la cosa che più ho amato di questo film è stato che si parla un sacco.
Per ovvi motivi voi non lo potete sapere, ma io sono fissata con i dialoghi. Quando scrivo qualcosa la prima parte che mi viene in mente sono i dialoghi, quando parlo con le persone presto un'attenzione maniacale alle loro scelte lessicali mandando fuori di testa chi è costretto ad essere sottoposto a questo continuo esame da parte mia, cerco sempre di cogliere quello che si dicono le altre persone non perché sia curiosa delle loro vite ma perché le parole mi affascinano come poche altre cose al mondo.


Spring è un lunghissimo dialogo tra due persone che si stanno conoscendo ma che hanno scelto di non indossare maschere e far fruire i discorsi liberamente, con una naturalezza che gli invidio molto. Ci hanno provato, Louise soprattutto, ad interrompere questa relazione per tutelare chi non sarebbe stato in grado di affrontarne le conseguenze (e di nuovo, qui, l'amatissima Bea che nasconde al marito la verità su cosa sia accaduto nel bosco) ma tale era il loro discorrere, così fluido e spontaneo, da non poterlo trattenere oltre. Dal primo, sudatissimo, appuntamento, questi due hanno parlato, e parlato, e parlato, e guardarli entrare a parole sempre di più nell'intimità uno dell'altra è stato un piacere per il cuore e la mente.
Tanto quanto quella resa finale, con il sole che sorge e niente che cambia.
E nessuna parola detta più, perché a quel punto non ce n'era bisogno.

Come non c'è bisogno di sottolineare i piccoli difetti di ricostruzione dell'Italia che i due addetti ai lavori hanno fatto, Non sarebbe una critica utile a nessuno, e comunque lo splendore della Puglia fa passare in secondo piano il fatto che i contadini anziani è difficile che parlino un'inglese così fluente.
Un saluto dalla pallosa grigia e nebbiosa Pianura Padana.

10 commenti:

  1. Un film davvero delicato e bellissimo, che parla d'amore come pochi altri. E di morte, e di scelte, e di felicità. Felicissima che ti sia piaciuto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne avevate parlato tutti tamente bene che non avrei potuto evitarlo a lungo!

      Elimina
  2. anche a me è piaciuto, interessante la contaminazione di generi...! ed anche Honeymoon, bello :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Honeymoon per me è stato se possibile ancora più bello!

      Elimina
  3. Uno dei migliori horror dell'anno, finale meraviglioso, attenta ad essere una delle migliori scene finali viste nel 2015 ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. EH, penso che sia anche tra le mie preferite di sempre!

      Elimina
  4. Honeymoon mi è piaciuto, ma non tantissimo.
    Però il bello è che funzionava lì dove il film di genere, di solito, floppa: ossia nella parte iniziale. Sentimenti verisimili, protagonisti bravissimi. Questo Spring è in lista da un po', e urge recupero. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece lo avevo amato follemente, come avevo amato i due innamorati. Questo è diverso, ma altrettanti bello!

      Elimina
  5. Mi riprometto di recuperarlo il prima possibile, perché ne parlano tutti bene. Comunque da pugliese ti assicuro che è difficile trovare trovare un contadino che parli fluentemente l'italiano, figuriamoci l'inglese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma uffa anche io voglio essere pugliese!

      Elimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Instagram

Google+