mercoledì 20 febbraio 2013

La Madre, Andres Muschietti


Titolo originale: Mama

Anno: 2013

Durata: 100 min

Trailer:



Jeff è un uomo come molti altri, fino a quando, un giorno, strangola la moglie e scappa con le due figlie, Victoria e Lilly. Decide di portarle in un bosco, dove vorrebbe liberarsi di loro. Qualcosa glielo impedisce.
5 anni dopo, le piccole vengono ritrovate, affidate alle cure dello zio Lucas, della sua ragazza Annabel e del dottor Dreyfus, un terapista di cui hanno bisogno a causa della traumatica esperienza.
Ma chi le salvò dal padre non è disposto a condividere il loro amore..

Ho aspettato 'Mama' per mesi, dopo aver visto il trailer quasi per caso. Ho goduto tantissimo del cortometraggio ispiratore, che in 3 minuti mi aveva fatto trasalire almeno 250 volte. Quindi figuratevi le aspettative. Fortunatamente sono state quasi tutte soddisfatte. Non è il capolavoro che desideravo vedere, ma è un buon film.

Partiamo dai titoli di coda che sono entrati di diritto nelle mie preferenze. I disegni delle bambine, la musica, anche il titolo mi piace. So far so good.

Inizia la vicenda, e quanto a coinvolgimento emotivo, ci siamo. Ma si può dire che a Muschietti piace vincere facile, due belle bimbe piccole, bionde, con la vocina spezzacuore e tutto un 'Daddy' che mammamiasesonocarine.

Fino a quando le ritrovano 5 anni dopo, e allora smettono di essere carine perchè sono spaventose. Con il comportamento che ti aspetti da due bambine cresciute apparentemente da sole in mezzo a un bosco. Movimenti animaleschi, incapacità di esprimersi, sporcizia. . Il tutto reso magnificamente da ambientazioni inquietanti, sia prima che dopo, una fotografia quasi gotica e due piccolette che porco cane se son state brave. Sinceramente inquietanti, in particolare Lilly, che mentre scende le scale all'inizio fa un'impressione allucinante.
 
 

Sempre riguardo ad attori, movenze strane e tutto il resto, devo comunicare la profonda angoscia che mi sa trasmettere quel maledetto di uno Javier Botet che già dopo Rec lo detestavo, figuriamoci ora. Avevo visto anche il Movement Test prima del film, eppure santissimamisericordia i salti che mi ha fatto fare sul divano. Ci si spaventa che è un piacere, di conseguenza è un film fortemente consigliato alle persone con la pressione bassa.

Sempre rimanendo sugli attori, special mention alla Jessica Chastain (Annabel) che mi ha lasciata senza parole. Ruolo non semplice, che rischiava di trasformarsi in un clichè verso la fine ma che lei ha saputo trattenere a forza per i capelli rimanendo credibile e intensa.



Più di tutto mi è piaciuta la resa della Mama. Mi spiego: è chiaro già dal trailer che ci troviamo di fronte ad un ghost movie. Non avrei sopportato di vedere il solito fantasmino che muove i lampadari e sbatte le porte. Questo, di fantasma, fa paura. Al di là dei movimenti inumani (oh, io mi son fissata, ma non è che Botet è nato senza ossa? Ah no, si vedevano solo quelle. Ti offro un panino quando ci vediamo, Javy.), Mama produce versi sinistri e spaventosi, e non è un'entità astratta, è lì ed è tangibile. Si fa vedere quando vuole, ma sta lì. Ed è sempre dietro la schiena. Che nervoso.
 

L'azione ogni tanto rallenta un po', il che è facilmente giustificabile dal fatto che se ti ispiri ad un cortometraggio e lo tiri fino all'impossibile, non avrai comunque materiale sufficiente per riempire un'ora e mezza, ma tutto sommato non ci si annoia.

Per farla breve: il film sa far paura, sa giocare di spaventi e d'atmosfera, ci sono ottimi attori, bei dialoghi non troppo prolissi, Muschietti ha iniziato sulla buona strada.

Adesso però basta produrre, Guglielmo. Combina qualcosa, you lazy boy.


11 commenti:

  1. mi incuriosiva già per la sola presenza di jessica chastain, ora mi incuriosisce ancor di più...

    RispondiElimina
  2. il lazy boy,tornerà a presto con il suo pacific heigh o una roba simile:robot contro mostri giganti ed ho detto tutto ^_^

    questo film è già in lista ,mi piacciono queste storie

    RispondiElimina
  3. A me non ha fatto una grande impressione.
    Zero paura, trama telefonata, nessuno spavento.
    Merita solo la Chastain! ;)

    RispondiElimina
  4. @Cannibal: Sicuramente lei da sola vale la visione!:)
    @Beatrix: Ottima idea!
    @Babordo: Ahh, Pacific Rim immagino..ne ho sentito parlare, ma non mi esprimmo finchè non vedo..le premesse non mi allettano molto..
    @Ford: Non ti ha fatto impressione? Mi sento una mezzapippa adesso, ma quanto a spaventi io ci ho sguazzato dentro!

    RispondiElimina
  5. Non ti leggo la recensione perché voglio prima vederlo, uso il commento solo per "scusarmi" per l'altro giorno visto che mi sarebbe piaciuto salutarti ma Chiara mi ha rivelato troppo tardi la tua identità xD una volta che ci si può conoscere live tra colleghi cineblogger!!! In ogni caso appena vedo il film torno qui : D

    RispondiElimina
  6. @pio: Ahah, avevo intuito che fossi tu, ma come avrai visto stavo scappando, peccato! Tanto prima o poi tramite la Chiara riusciamo sicuramente a conoscerci, non siamo molto distanti:) Già che ci siamo, salutamela, e torna a dirmi la tua sul film!

    RispondiElimina
  7. anche secondo me il corto è molto meglio: però il regista mi sembra avere talento e visivamente mi ha intrigato...il resto è abbastanza deja vu..

    RispondiElimina
  8. Eccomi Mweeeriii!
    Beh, non mi è dispiaciuto affatto.
    Posso dire che Botet è il mio attore spagnolo preferito? xD
    Alla fine il film non è proprio originalissimo nel suo genere ma nel complesso ci sta, anche perché qualche colpo l'ho preso alla grande. Tipo quando la madre è sullo sfondo e poi di colpo corre verso la telecamera, come nel corto.
    La Chastain dove la mettono lei si adatta alla perfezione, tipo l'acqua dentro un contenitore, e mi ha fatto impressione vedere Jaime Lannister buono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, per fortuna qualcuno che la pensa come me:)
      La Jessy Chastain è chiaramente la donna del momento, è la ragazza immagine di un sacco di blogXD

      Elimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Instagram

Google+