domenica 24 gennaio 2016

Cinema Italiano I love You: Shadow

SPOILEEEEER! NEI SOTTERRANEI, SPOOILEEEER!
Io ve l'ho detto.


Quando i cinebloggers chiamano io sto sempre lì, in prima fila, col braccio alzato a scalpitare per partecipare sempre. Stavolta Alessandra, sempre di Director's Cult, propone il cinema italiano, tanto per ricordare a chiunque bazzichi da queste parti che non siamo solo Checcozaloni.
E io non è che mi drogo.
Shadow è un film italiano davvero, fidatevy.
Diretto dal buon Zampaglione, tanto per darvi conferme.

Premessa, io sono contenta che Zampaglione esista e si sia messo dietro la mdp.
Il catalogo italiano offre commedie che generalmente mal tollero oppure filmoni intensi e importanti pregni di significato e di denuncia sociale. E va bene, queste cose vanno bene, ci vogliono. Ma se sono solo queste è mica vero che al quarto film italiano di fila io devo sbattere ripetutamente la testa contro il muro?
CHE NOIA.
Il mio caloroso benvenuto va quindi a qualsiasi proposta che si discosti da questo percorso che chissà quali circostanze hanno contribuito a creare.


In Shadow abbiamo un reduce di guerra partire per un viaggio per l'Europa, per lasciarsi tutto alle spalle. Durante una gita in bici in montagna incontra una giovane, con la quale metterà i bastoni tra le ruote ad un paio di cacciatori che non la prenderanno molto bene.
La vera morale del film ti insegna che anche quando credi di essere il più cattivo, ci sarà sempre qualcuno più cattivo di me.
E se ti prende sono volatili senza zucchero.

Non mi sono mai messa a parlare dei significati metaforici di un film perché io poetica mai. Non inizierò certo adesso, mi limito a linkarvi questo post de Il Buio in Sala. Nono solo il buon Giuseppe fa una delle sue inimitabili analisi, ma lo stesso Zampaglione nei commenti ha illustrato i suoi intenti.
Niente di quello che potrò mai dirvi io potrà mai valere più di quello che ha detto chi 'sto Shadow l'ha creato.

Quindi, come al solito, parliamo di sensazioni a pelle. (E a proposito di pelle vi comunico che io, sempre sul pezzo, scopro la storia della pelle dei rospi solo guardando questo film, #Zampaglioneperilsociale)
La mia, di pelle, non è ricoperta di droghe, il che è utile se devi lasciarci entrare le sensazioni che ti sta trasmettendo un film. In questo caso avrei quasi preferito di essere un agglomerato di sostanze illecite, perché sotto la pelle mi sono entrati sporcizia, malanno, senso di colpa. Mi è penetrata nei pori l'aria sporca, scura, malsana che si è respirata nell'ultima parte,
Mi si è risvegliata una profonda repulsione per la guerra, che credo sia insita nell'essere umano. Mi è salita la paura, ho sentito il pianto di un bambino e mi sono venuti i brividi.
E quella palpebra tagliata, rivista con la consapevolezza che non fosse una tortura casuale è raggelante.
Con me Shadow funziona, alla grande.


E poi, lo spoiler.
Avete presente quando un film si avvicina al finale e vi ritrovate a dire: 'Adesso è tutto un sogno, eh, minimo!'
Ecco, stavolta lo è davvero.
Incredibile.

Non sono ovviamente la sola ad avere parlato di cinema italiano, però. Ci hanno pensato anche loro:
Solaris: Io sono l'amore
White Russian: Non essere cattivo
Pensieri Cannibali: Non essere cattivo
Director's Cult: Il volto di un'altra
Non c'è paragone: Basilicata Coast to Coast
In Central Perk: Maicol Jecson
Bollalmanacco: Almost Blue
Delicatamente perfido: Italiano medio

16 commenti:

  1. Con me Shadow non aveva funzionato al 100%, però non mi era dispiaciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha i suoi difetti, ma chi non li ha?

      Elimina
  2. Un po' di curiosità Zampaglione mi l'ha sempre data ma poi, vuoi il genere che non mi confà, vuoi il tempo o semplicemente la voglia, non ho azzardato.
    Prima o poi lo farò, promesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io segno e poi rimando le visioni. Troveremo il tempo per tutto!

      Elimina
  3. Mi era piaciuto parecchio.
    Zampaglione lo stimavo prima come autore - ha firmato canzoni splendide -, ma dopo Shadows anche un po' come regista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto incuriosita anche da Tulpa!

      Elimina
  4. Ai tempi è stata una piacevolissima sorpresa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io partivo prevenuta in positivo da alcune review, ma è sempre piacevole trovare qualcosa che piace!

      Elimina
  5. ricordo che mi era piaciuto... e ricordo la birra "Birra salvaeuro" della coop in una delle prime scene se non sbaglio :-)

    RispondiElimina
  6. Mi ispira di più Tulpa, ma penso che anche questo Shadow sia interessante, finale supercazzola a parte! :-p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò: mi è piaciuto che abbia dato nuova luce a tutto!

      Elimina
  7. All'epoca dell'uscita l'avevo adorato, complice anche una prima Genovese (miracolo!!!) con regista e attori annessi. Rivisto dopo qualche tempo perde un po' della sua freschezza e potenza ma è sempre un gran bel film a cui volere molto bene!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono ancora fresca di prima visione, al limite ci aggiorniamo!:)

      Elimina
  8. Quanto non mi è piaciuto sto film? Con quel finale che già si capisce ma diventa pure una presa per i fondelli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Addirittura? è stato proprio il finale a farmelo piacere. Telefonatissimo eh, ma interessante.

      Elimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Instagram

Google+