lunedì 12 febbraio 2018

Aspettando The Shape Of Water: Il mostro della laguna nera

Ci siamo quasi.
Sono andata contro le promesse che mi ero fatta e ho resistito: non ho guardato in modo illegale La forma dell'acqua. 
Non è la prima volta che aspetto un film di Del Toro in sala, ma l'attesa di Crimson Peak è stata niente di fronte al travaglio che è stato attendere questo film.
Ogni premio, ogni recensione estasiata, sono stati pugnali nel cuore. Questi ultimi giorni saranno interminabili e non riesco a dirvi quanto entrerò in sala gonfia di tutta l'emozione di vedere il mio regista del cuore, quello ignorato, quello snobbato, quello che non fa soldi manco a chiederglielo per cortesia, finalmente trionfare come merita e ha sempre meritato.
Vorrei davvero che provaste l'emozione che ho provato io ascoltandolo a Venezia, che provaste tutti un'emozione gigante come quella che ho provato ascoltandolo nominato per tutto il possibile ai prossimi Oscar.
Se una passione non vi rende felici così, non è quella giusta.


Per celebrare la settimana di La forma dell'acqua, allora, torniamo insieme alle origini del Gill-Man.
Lo so che tutti avremmo voluto la storiellina d'amore per Abe Sapien, ma non è così, mettiamocela via.

Il mostro della laguna nera è una creatura marina, il Gill-Man, appunto, che vive in Amazzonia. Nuota felice nella sua laguna, indisturbato fino all'arrivo di un gruppo di scienziati.
Esattamente come il mio gatto Elia, non si infastidiscono le creature selvagge.
Mai.

Sono passati più di 60 anni dalla comparsa sul grande schermo del Gill-Man.
Sarà anche invecchiato, ma è uno di quegli anziani che sembrano vecchiotti appena li conosci poi quando inizi a farci due chiacchiere li scopri più attivi e arzilli di te che a 27 anni hai la cervicale e le ossa rotta e le mani spaccate.
L'uso della seconda persona singolare a sottolineare che non stavo assolutamente parlando di me.

In questi giorni ho visto molti film, perché sto preparando il post sulle speranze per questi Oscar in arrivo. Ho visto film splendidi e un paio un po' meno.
La conclusione a cui sono giunta è che se mi ha commosso di più la storia di un anfibio che ama da sott'acqua una splendida scienziata in costumino bianco rispetto ad una (dolcissima, lo riconosco) storia d'amore estivo tra due bellissimi giovani, o io sono una creatura di ghiaccio che si scongela solo con i mostri oppure Il mostro della laguna nera è un film capace di parlare di mostri umanizzandolo come ormai nemmeno più gli umani veri.

Il povero, tragico, Gill-Man, che vuole sfiorare Julie Adams e invece si trattiene, che osserva da lontano, che nuota sinuoso sotto di lei, mi ha emozionato più dei due ragazzi di Guadagnino.
Non sappiamo nemmeno chi sia, da dove venga, se sia l'unico della sua specie. Sappiamo solo che vive nella laguna nera da cui nessuno sembra mai avere fatto ritorno e che, in quella laguna, ci muore.

Non è che non li capisca, sti umani. Al loro posto sarei semplicemente morta dallo spavento lasciandogli modo di mangiarmi e tanti cari saluti. Ma da spettatori non amarlo è impossibile, e non soffrire per la sua morte altrettanto.

Non lo so se Del Toro gli renderà la giustizia che merita o se, per la prima volta in vita sua, prenderà una sola. Non ve lo dico nemmeno cosa credo succederà, ma sto provando ad essere oggettiva.
Dovesse anche, questa Forma dell'acqua essere un film deprecabile, avremo almeno l'occasione di vedere per la creatura un minimo di riscatto, e ne sarà comunque valsa la pena.

Non crederei comunque ad un brutto film di Del Toro nemmeno se ce lo avessi davanti agli occhi, tanto per mettere le cose in chiaro.

13 commenti:

  1. Rivisto qualche mese fa...sempre bello (oddio è invecchiato si eh?) pensa che è piaciuto anche alla bacarospetta; Del Toro vorrei vederlo, al limite andrò sola come per Guadagnino

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A te è piaciuto quello di Guadagnino?
      Beh la tua bimba già mi piace:D

      Elimina
    2. Molto, l'ho trovato elegante, capace di raccontare l'amore con una delicatezza non comune.Forse un pò lungo, ma vuol proprio dire essere pignolissimi e poi Thimothee Chalamet, da mamma, mi ha fatto una tenerezza...

      Elimina
    3. sai che io invece sono rimasta un po' meh? poco coinvolta, ma temo sia colpa mia!

      Elimina
  2. Domandona da 6 milioni di dollari...Del Toro per una bimba di 9 anni è troppo si?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo in particolare ha scene di sesso e masturbazione, quindi penso di sì:/

      Elimina
    2. Pensavo avesse un approccio più favolistico...ok...

      Elimina
    3. dovrei andare stasera, ti aggiorno!:)

      Elimina
  3. Mai visto questo film, ma forse prima di vedere The Shape of Water farò come te ;)

    RispondiElimina
  4. Vado sabato pomeriggio e tipo non sto nella pelle, anche grazie a te, grazie per avermi fatto passare un mese terribile.
    Scherzi a parte, carissima, dalle mie parti c'è un giochino che ti aspetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. capiscimi, Giu, è più di un anno che aspetto sto film!
      passo asap, grazie mille!:D

      Elimina
  5. Il mio Khal venera questo, ed ha odiato del Toro...Io non sono rimasta entusiasta di nessuno dei due :(

    RispondiElimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Google+