Visualizzazione post con etichetta bianco e nero. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta bianco e nero. Mostra tutti i post

lunedì 12 febbraio 2018

Aspettando The Shape Of Water: Il mostro della laguna nera

14:22
Ci siamo quasi.
Sono andata contro le promesse che mi ero fatta e ho resistito: non ho guardato in modo illegale La forma dell'acqua. 
Non è la prima volta che aspetto un film di Del Toro in sala, ma l'attesa di Crimson Peak è stata niente di fronte al travaglio che è stato attendere questo film.
Ogni premio, ogni recensione estasiata, sono stati pugnali nel cuore. Questi ultimi giorni saranno interminabili e non riesco a dirvi quanto entrerò in sala gonfia di tutta l'emozione di vedere il mio regista del cuore, quello ignorato, quello snobbato, quello che non fa soldi manco a chiederglielo per cortesia, finalmente trionfare come merita e ha sempre meritato.
Vorrei davvero che provaste l'emozione che ho provato io ascoltandolo a Venezia, che provaste tutti un'emozione gigante come quella che ho provato ascoltandolo nominato per tutto il possibile ai prossimi Oscar.
Se una passione non vi rende felici così, non è quella giusta.


Per celebrare la settimana di La forma dell'acqua, allora, torniamo insieme alle origini del Gill-Man.
Lo so che tutti avremmo voluto la storiellina d'amore per Abe Sapien, ma non è così, mettiamocela via.

Il mostro della laguna nera è una creatura marina, il Gill-Man, appunto, che vive in Amazzonia. Nuota felice nella sua laguna, indisturbato fino all'arrivo di un gruppo di scienziati.
Esattamente come il mio gatto Elia, non si infastidiscono le creature selvagge.
Mai.

Sono passati più di 60 anni dalla comparsa sul grande schermo del Gill-Man.
Sarà anche invecchiato, ma è uno di quegli anziani che sembrano vecchiotti appena li conosci poi quando inizi a farci due chiacchiere li scopri più attivi e arzilli di te che a 27 anni hai la cervicale e le ossa rotta e le mani spaccate.
L'uso della seconda persona singolare a sottolineare che non stavo assolutamente parlando di me.

In questi giorni ho visto molti film, perché sto preparando il post sulle speranze per questi Oscar in arrivo. Ho visto film splendidi e un paio un po' meno.
La conclusione a cui sono giunta è che se mi ha commosso di più la storia di un anfibio che ama da sott'acqua una splendida scienziata in costumino bianco rispetto ad una (dolcissima, lo riconosco) storia d'amore estivo tra due bellissimi giovani, o io sono una creatura di ghiaccio che si scongela solo con i mostri oppure Il mostro della laguna nera è un film capace di parlare di mostri umanizzandolo come ormai nemmeno più gli umani veri.

Il povero, tragico, Gill-Man, che vuole sfiorare Julie Adams e invece si trattiene, che osserva da lontano, che nuota sinuoso sotto di lei, mi ha emozionato più dei due ragazzi di Guadagnino.
Non sappiamo nemmeno chi sia, da dove venga, se sia l'unico della sua specie. Sappiamo solo che vive nella laguna nera da cui nessuno sembra mai avere fatto ritorno e che, in quella laguna, ci muore.

Non è che non li capisca, sti umani. Al loro posto sarei semplicemente morta dallo spavento lasciandogli modo di mangiarmi e tanti cari saluti. Ma da spettatori non amarlo è impossibile, e non soffrire per la sua morte altrettanto.

Non lo so se Del Toro gli renderà la giustizia che merita o se, per la prima volta in vita sua, prenderà una sola. Non ve lo dico nemmeno cosa credo succederà, ma sto provando ad essere oggettiva.
Dovesse anche, questa Forma dell'acqua essere un film deprecabile, avremo almeno l'occasione di vedere per la creatura un minimo di riscatto, e ne sarà comunque valsa la pena.

Non crederei comunque ad un brutto film di Del Toro nemmeno se ce lo avessi davanti agli occhi, tanto per mettere le cose in chiaro.

lunedì 26 dicembre 2016

Gli Invasati

09:21
Eoni fa, quando da queste parti si parlava del libro della Jackson da cui questo film è tratto, Erica del Bollalmanacco mi aveva detto di guardare il film. Se mi da un consiglio lei, io mi fido, e quindi mi sono armata del mio scarsissimo coraggio e sono tornata ad Hill House.



La trama è arcinota ma la ripeto per chi non si è ancora fatto il grande favore di leggere un libro di Shirley Jackson: Hill House è una casa maledetta (ormai nella mia mente LA casa maledetta). Forse infestata, ma di sicuro portatrice di grandi sventure e tragedie. Il dottor Markway è interessato a scoprirne una volta per tutte la vera natura e decide di partire e alloggiare nella casa per studiarne in prima persona i fenomeni. Non partirà solo, con lui ci saranno Luke, l'erede della villa, e due donne: Theo e Eleanor, la nostra protagonista.

Mi sento di dire, senza timore di essere contraddetta, che Gli invasati è un piccolo miracolo. Fa una cosa che credevo quasi impossibile: è quanto di più fedele al romanzo potessi immaginare. Non parlo della trama, che per forza di cose ha tralasciato alcune piccole parti che però trovo trascurabili, parlo di sensazioni. Se la Jackson con la sua mano fatata non aveva bisogno di un linguaggio forte e caciarone per fare una paura incredibile, qui Wise non ha bisogno di mostrare alcunchè. Qua si mostra il minimo indispensabile, non si usano facili stratagemmi per spaventare. Hill House non ti vuole far prendere uno spavento, ti vuole far morire di paura. E ce la fa.

I personaggi mi sono sembrati resi benissimo, Eleanor ha uno sguardo sbarrato e perso che ha fatto quasi più tenerezza che nel libro. Il viso dell'attrice è quasi infantile e fragilissimo, una scelta di cast perfetta per un personaggio che già nel romanzo mi aveva colpito al cuore. Theo, d'altro canto, non è da meno, e se la detestavo di là, figuriamoci qui che posso darle un volto.
La casa è, ovviamente, di uno splendore tetro, e vederla in bianco e nero è angosciante il giusto. Ovvero tantissimo. 
Il fatto che fantasmi e case infestate siano i miei preferiti da sempre forse influisce sul mio entusiasmo, sono disposta a riconoscerlo, ma vi dico questo: che leggiate il romanzo o guardiate il film poco importa, provate ad uscire indenni dalla scena della mano e poi tornate a dirmi che non vi ha fatto paura.
Buona fortuna.

domenica 30 novembre 2014

No more excuses week: Outrage

13:27

Alle soglie del 2015, la violenza sulle donne è un tema fondamentale. Se ne parla in tv, ogni giorno. Se ne parla sui giornali, si sensibilizza, si informa. E finalmente, direi. Se ne parla anche sui blog di cinema, grazie all'iniziativa lanciata da Alessandra (Director's cult).

Ma nel MILLENOVECENTOCINQUANTA?
Oggi una vittima di violenza (di qualsiasi tipo) è considerata tale, dalla maggior parte delle persone è tutelata, difesa, aiutata. Oggi la violenza è un reato.
Sessant'anni fa se venivi violentata te ne vergognavi. Era colpa tua, eri sporca. E di certo non lo raccontavi. A nessuno.

Figuriamoci parlarne in un film.
Figuriamoci parlarne in un film diretto da una donna.
Eppure, Ida Lupino ha sfornato una pagnotta che ancora oggi risulta indigesta.

La vittima in questione si chiama Ann. Finito il lavoro torna a casa, e per strada viene struprata. Incapace di sopportare il trauma e la vergogna, scappa e cambia identità. Si rifugia in un ranch, e cerca di rimettere in piedi i pezzi della sua vita.


Il centro della questione non è tanto lo stupro in sè, che non è mostrato, cosa di cui sono molto grata alla vecchiaia del film e alla signora Lupino, quanto piuttosto il modo in cui Ann reagisce. Il dolore non cambia, sessant'anni dopo. Ann non sa gestire una cicatrice così grande, e fa la cosa che appare più semplice: scappa.
Si allontana dagli sguardi di compassione, dalla finta comprensione, da quella strada che sarebbe stata costretta a ripercorrere ogni giorno uscita dal lavoro, da quel fidanzato che la ama comunque. Cambia perfino nome, come se alla nuova se stessa quell'evento drammatico non fosse mai avvenuto.
Ma non è così semplice, quando fuggi porti tutto con te.
E infatti, non appena un uomo prova a baciarla, lei va molto vicina ad ammazzarlo.

Sessant'anni fa questa era la realtà. Il numero di donne stuprate non era certo minore di quello attuale, ma non se ne poteva parlare a voce alta, era un argomento tabù. Ida Lupino ha centrato il punto, girando un film che pur sentendo il peso della sua età è assolutamente attuale.
Gli sguardi di chi non capisce la violenza ci sono ancora, il dolore è sempre lo stesso, l'offesa recata non è mutata. E questo rende la sua iniziativa coraggiosa ed intelligente.


Ho scelto questo film non a caso.
Sì, è inerente al tema della giornata, ovviamente, ed è in bianco e nero per portare avanti la mia iniziativa per il mese di novembre, quindi era perfetto.
Il motivo principale è la speranza.
La violenza sulle donne è una realtà, non ce ne siamo ancora liberati, e probabilmente gli stupri continueranno a violare la serenità delle persone. Ma abbiamo fatto notevoli passi avanti a livello di civiltà.
Oggi sappiamo cosa implica la violenza, oggi al fenomeno è data importanza, non si ha più paura di parlarne.
Oggi, io so che se dovesse accadermi qualcosa non sarebbe in nessun caso colpa mia.
Non lo sanno ancora tutte le donne, purtroppo, ma ci arriveremo.
Oggi abbiamo esempi come Lucia Annibali che ci insegnano che se dovessimo avere l'immensa sfortuna di incappare in un elemento violento, potremmo uscirne, a testa alta.
Abbiamo ancora tanta strada da fare, questo è poco ma sicuro. Siamo circondati da uomini violenti che si nascondono dietro visi rassicuranti. Le notizie non diminuiscono. Le donne continuano a morire perché rifiutano i partner. Quello che si chiede la locandina che ho postato sopra è un quesito ancora terribilmente attuale.

Ma stiamo andando nella giusta direzione, io ci voglio credere.



Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Google+