mercoledì 1 luglio 2020

Ho guardato Sex and the city e ho delle opinioni

Da un po' di tempo a questo parte la tizia che scrive su questo blog si spacca di esercizio fisico. Mica per passione, per carità. Solo per dovere. Avevo bisogno di una serie leggera che mi tenesse compagnia durante le infinite sessioni di cardio e ho pensato che fosse una buona idea guardare finalmente Sex and the city.
Ho tante opinioni in merito.
Spoiler: temo sarò antipatica e rivelerò ogni singola cosa successa nella serie, lo spoiler alert è ai massimi livelli.


Cominciamo col rant femminista, così ce lo leviamo subito.
La serie si è fatta la fama di essere femminista, rivoluzionaria, estrema per quello a cui si era abituati, e io, che negli anni in cui è uscita facevo le scuole dell'obbligo, non so dire quanto e come questo sia vero. Però l'ho guardata oggi, e se è vero che alcune delle cose di cui parla sono ancora oggi considerate tabù (masturbazione femminile, una su tutte), ha dei limiti enormi, che mi sento di giudicare perché non parliamo mica di roba di 40 anni fa. Ok la contestualizzazione, ma questo non è Via col vento.
Le donne protagoniste sono ricchissime (non fatemi nemmeno cominciare a dire quello che penso sulla parte in cui Carrie si deve ricomprare la casa che Aidan aveva comprato per lei o sbrocco subito), bellissime, bianche come il latte, magre. Non sono rappresentative del genere nella sua complessità nemmeno per sbaglio. E sì, parlo dell'estetica, ma non solo. Come ci si può identificare in Carrie? Una che per campare in un bellissimo appartamento a Manhattan scrive un (uno) articolo a settimana in cui fondamentalmente racconta i cazzi suoi e di tutti quelli che la circondano? Solo perché anche lei soffre per amore? Siamo solo questo? Siamo tutte uguali perché prima o poi nella vita siamo state con uno che non voleva le nostre stesse cose e quindi la comprendiamo?
Non è così, è una visione troppo limitante per essere presa sul serio.
Ma la cosa più grave è che quando la serie prova a parlare di argomenti davvero significativi (non che l'amore non lo sia, non fraintendetemi) non lo fa mai come dovrebbe. Non approfondisce, non esplora, non va mai oltre la singola scena carina che fa da contorno ai discorsi sul sesso.
Miranda e Samantha hanno tanto da dire, e ci provano, ma non vanno mai a fondo. Samantha è una donna di successo, realizzata professionalmente e con una sicurezza in sé tale da permetterle di avere sempre chiaro in mente quello che vuole. Però è più comodo farla passare per quella che vuole solo scopare perché fa più ridere. (personalmente, ma so che io sono antipatica, ho trovato talmente cringe le sue scene di sesso da doverle skippare, sempre) Ma soprattutto alla fine le relazioni le hanno dovute dare anche a lei, non sia mai che una scelga di voler stare senza uomini in pianta stabile.
Miranda è quella che non solo ha l'unico percorso sentimentale degno di nota (quella tra lei e Steve è l'unica relazione costruita con un minimo di senso), ma quella che affronta temi più interessanti. Miranda è un'avvocata di grande successo, che fa carriera ma che vive il suo essere donna nel suo ambiente di lavoro come uno svantaggio. Lei è quella che viene trattata in modo diverso quando single o in una relazione, lei è quella che sta con un uomo che si sente svilito dal fatto che lei guadagni di più, lei è quella che vive una maternità ancora considerata anomala. Ama suo figlio ma non l'aveva cercato, non sa cosa sia il senso materno, non si è mai snaturata in virtù della sua nuova condizione di madre pur avendo accettato che a volte fare compromessi è un buon modo per essere felici. Davvero un peccato che tutto questo sia stato reso come un blando accompagnamento alle ben più importanti relazioni sentimentali.
Charlotte è una macchietta che non si sostiene. Sia chiaro: che una donna desideri la vita "convenzionale", che sia romantica e ingenua mica è da criticare. Dignitosa tanto quanto le altre, anche se c'è sempre da chiedersi quale sia l'origine di certi desideri. Ma insomma, lei è l'elemento classico, con i suoi cagnolini borghesi e il suo straordinario attico pagatole dall'ex marito. Poteva esserlo senza essere una caricatura, e invece sembra una cretina, e questo è un modo manco troppo velato di giudicarle, le Charlotte.
E infine Carrie. Come a questi sia venuto in mente di fare di lei la protagonista è un mistero. Carrie vorrebbe essere quella più simile a noi: non è un estremo in nessuno dei sensi delle sue amiche, non ha alcuna caratteristica degna di nota se non quella di auto considerarsi una 'cavalla pazza impossibile da domare' quando tutto quello che vuole dall'episodio uno è sposarsi, quindi cosa ci sia di indomabile ce lo spiegheranno i posteri. Vorrebbe essere la ragazza comune della porta accanto, ma la ragazza comune della porta accanto non fa il suo lavoro, nella sua città, con i suoi soldi. Carrie è irragionevole, ostinata nelle cose sbagliate e soprattutto protagonista di una delle più brutte storie d'amore mai raccontate. Lei e Big sono due persone orrende e in quanto tali si meritano a vicenda.
Le carriere sono ridicole, o meglio lo è il modo in cui sono mostrate. Miranda aveva qualcosa da dire ma non le è stato dato spazio, Charlotte si licenzia appena si sposa, Samantha si vede solo accennata e Carrie fa passi avanti mostrati come scusa per dare delle feste con tanti cari saluti a tutto il resto.

Ma la serie vuole parlare d'amore e sesso? Parliamone anche noi.
La costruzione delle relazioni in questa serie tv è ridicola. Persone che compaiono e scompaiono alla velocità della luce, senza che si abbia alcun modo di affezionarsi a nessuno, persone che ritornano senza che ci sia una costruzione. Big scompare una decina di volte dalla serie. Si sposa, poi si trasferisce, poi la lascia, e puntualmente, senza alcun perché sensato, ritorna, giusto per farlo tornare. Un esempio su tutti tanto per dare l'idea. Big si trasferisce in California, ci sono grandi addii ed è tutto molto commovente (no). Ritorna a New York perché deve essere operato. Ma che scrittura del cazzo è, non c'è un cardiochirurgo in tutto lo stato della California? Che cavolo di pretesto idiota è per farlo tornare? Ma basta, la loro storia è un ripetersi delle stesse identiche dinamiche per sei infinite stagioni. Lui che per un po' di episodi non si vede e poi ricompare. Per non parlare dell'orrore della terza (mi pare) stagione, in cui Big diventa l'amante di Carrie quando lei sta con quell'uomo meraviglioso che è Aidan. Per quattro episodi consecutivi la puntata si chiude con Carrie e Big che decidono di chiudere e per quattro volte l'episodio successivo si apre con loro che non hanno chiuso davvero. Ci fosse stata una quinta avrei lanciato il pc dalla finestra. Questa serie è talmente scritta male che non ha senso.
Vediamo troppo poco gli amori, nonostante siano il centro delle vicende non sono mai approfonditi. (Con l'eccezione di alcuni di quelli di Carrie) Per dire, se qualcuno alla fine ha capito quale fosse effettivamente il problema di Trey con Charlotte e volesse farmelo sapere, i commenti sono aperti. Sempre parlando di Charlotte: incontra Harry, ci finisce a letto, niente di nuovo all'orizzonte. Due puntate e cinque minuti totali di discorso dopo questa si è convertita per lui, per poterlo sposare. Ma quando è successo tutto? Le cose diventano serie senza che noi le vediamo succedere. La serie si concentra sul modo in cui le amiche si raccontano le cose che succedono loro ma noi spettatori ne vediamo una piccola porzione che rende impossibile il tanto amato concetto di ship. Il famoso show not tell in fumo per sei stagioni.
Giusto Steve e Miranda hanno una costruzione interessante: stanno insieme, non funziona, ma lui non scompare se non per un breve periodo. Steve rimane presente nella vita di Miranda, restano amici e anche se lei stronza capisce di volerlo sempre appena lui cerca di andare avanti, non si separano mai veramente, e il loro matrimonio non è improvviso e inspiegabile come entrambi quelli di Charlotte, nonostante la lente sia puntata su Charlotte e Harry un po' di più sul finale. Tutto il resto? Una nebulosa di persone che passano senza lasciare alcun segno. Direte voi: beh sono donne libere, escono con tante persone, non tutte sono significative. Sacrosanto, viva le storielle passeggere, però non se quando ne parli con le amiche descrivi sentimenti profondi e come sei felice con lui e finalmente è la volta buona.
Questo però non è un bel segno. Volere l'amore è legittimo, perché l'amore è davvero una cosa bellissima. Che tutte e quattro, compresa quella che l'amore non lo voleva, però finiscano accasate e felici è l'happy ending che una serie così non poteva non avere ma che non ha nulla di trasgressivo, diverso, innovativo. Le donne sono complete sono quando sono felici con un uomo e tanto basta a far concludere la serie con un sorriso.
Che desolazione.

Io alla fine a loro quattro mi sono affezionata, perché sono una che si affeziona anche agli oggetti inanimati e a cui basta nulla. Però se questa è la trasgressione, se parlare di pompini a tavola è il solo modo per mostrare le donne sotto una luce inedita allora a me non basta.
Continuo a guardare volentieri le scarpe e i vestiti e a piangere su quanto voglio i capelli di SJP, ma voglio di più.

4 commenti:

  1. Mai sopportato, onestamente.

    Ho dovuto sorbirmene alcune puntate quando ho passato la più bella vacanza della mia vita (New York, due settimane sotto natale, anno del Signore 2003. Avevo 22 anni, figuriamoci) a casa dell'adorabile sorella di una mia amica, che ovviamente prendeva la serie ad esempio di quello che New York avrebbe dovuto dare a chiunque. Vestiti, appartamenti da sogno, libertà, glamour, feste sontuose, uomini stupendi. E io che vedevo solo una povera gallina bionda con un lavoro (come giustamente hai detto tu) irreale e tre sciacquette tra il divertente e il patetico a reggerle la coda, tanto trasgressive solo perché scopavano a destra e a manca. Bah.

    Quindi, da quel poco che ho visto, sposo ogni virgola di quello che hai scritto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E nel post ho evitato anche tutta quella parte per cui penso siano delle classiste snob, giudicanti e irrispettose, perché più antipatica di così non potevo rendermi.
      Sono sicura che new York come te la sei vissuta tu in vacanza sia stata molto meglio!

      Elimina
  2. Hai ragione su tutto ma consideriamo che la serie è uscita nel 98, quindi 22 anni fa. Un'epoca in cui la rappresentazione della diversità a Hollywood non era ancora minimamente sentita. Sui personaggi sono d'accordo con te, così come sul fatto che Carrie sia, sentimentalmente parlando, l'esempio DA NON SEGUIRE perché la sua insana fissa per Big, è, appunto, una fissa per uno stronzo. E una, due, tre, alla fine te lo meriti e tienitelo. Aiden sempre nei nostri cuori, il fidanzato dei sogni e la cretina lo cornifica e lo molla. Brava cretina. Cmq se avrai modo di vedere i ben 2 film che concludono le peripezie, avrai molto di che arrabbiarti ancora. Detto ciò preso per quello che è, una serie ispirata a uno sceneggiatore dai racconti amorosi disastrosi delle sue colleghe e amiche, con un po' di sogno sulla fancy life a new York negli anni 2000, si guarda volentieri!

    RispondiElimina
  3. Vabbè, io sono un uomo e il mio giudizio è terribilmente di parte, ma per uno dotato del cromosoma Y questo telefilm è l'ORRORE. Altro che Eli Roth. Un branco di anziane talmente sboccate da far arrossire un camionista della Modena-Brennero e infoiate che manco in 50 Sfumature. Lei lì, la Carrie, odiosissima, con tutte le sue cazzo di scarpe, e poi del tutto irreale. 'sta mostruosità la beccavo su La7 nello zapping della seconda serata, mi orripilavo quei 5 minuti, poi giravo canale.

    RispondiElimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter