sabato 14 febbraio 2015

Il demonio

(1963, Brunello Rondi)


Essendo oggi San Valentino ho deciso di onorare la celeberrima ricorrenza degli innamorati a modo mio.
Con un film che d'amore effettivamente ne parla, nel modo in cui può farlo un horror demoniaco  italiano che quast'anno spegne le 52 candeline.

Purificata (un nome un destino) vive in un piccolo paese del Meridione. Innamorata non corrisposta di Antonio, decide di punirlo lanciandogli il malocchio. Questo, e tutti i suoi bizzarri atteggiamenti, faranno pensare ai suoi compaesani e alla sua famiglia che un essere demoniaco abbia preso possesso del suo corpo.


Fotogramma dopo fotogramma pensavo che sarebbe stato difficilissimo. Immaginavo di dover cancellare completamente le mie attuali convinzioni principali: sono un'atea che stava per guardare un film trasudante religiosità, sono una giovane donna del 2015 che ha gli occhi viziati da effetti speciali all'avanguardia, che porta la propria mentalità aperta come una bandiera del proprio modo di pensare, che ha un modo preciso di intendere le relazioni di coppia, che posava il suddetto sguardo su un film che ritrae perfettamente il bigottismo, la vita rurale e la parola che non volevo pronunciare: l'IGNORANZA.
Ho realizzato poi durante la visione che tutto ciò non era necessario. L'ignoranza che traspare dai comportamenti dei personaggi non arreca disturbo perchè si giunge ad una conclusione che mi rendo conto equivalere alla scoperta dell'acqua calda (gran scoperta, quella): OGGI essere ignoranti è un difetto, e soprattutto è una scelta. Parlare di 50 anni fa e etichettare le persone come ignoranti è scorretto e superficiale.

Oggi la cultura è alla portata di tutti, è gratis e accessibile in qualunque momento. Una volta no. La conoscenza era un lusso. A popolare le menti delle persone stavano le tradizioni popolari, ed è una gran cultura anche quella. I consuoceri che preparano il letto ai neo sposi, i cittadini che si ritrovano in piazza a esporre al pubblico giudizio i propri peccati...
Così come è assurdo pensare di poter criticare oggi quella religiosità così frenetica, quasi ossessiva, che segnava in modo così radicato le vite.


La sua età la sente, il film, inutile negarlo. Ma è riuscito a regalarmi un senso di radicato disagio, dovuto non solo al tema a cui sono particolarmente sensibile, ma anche al clima così opprimente, così ottuso, così complesso, al senso di ingiustizia in entrambe le direzioni (Purificata è vittima dei soprusi dei suoi compaesani, ma non dimentichiamo che lei per prima non potendo accettare il rifiuto ha perseguitato Antonio fino alla fattura), al momento in cui la possessione vera e propria si palesa.
E' chiaro, in quanto non credente non credo allo spiritello inconsistente che entra nel corpo della ragazza e le fa parlare lingue a lei sconosciute. Ma i suoi compaesani lo credevano, la sua famiglia lo credeva, e tanto bastava.

Per una volta, poi, al momento della scritta 'tratto da vicende realmente accadute' non ho dubitato nemmeno per un istante che fosse vero. Almeno in parte, almeno tenendo conto della parte romanzata che di sicuro ci sarà stata, non ho messo in discussione nemmeno per un attimo che di Purificate ce ne siano state.
E chissà quante.



8 commenti:

  1. Visto un botto di anni fa, ricordo poco, se non che mi aveva entusiasmato davvero poco. Però belle tutte le varie riflessioni che riesci a trarre dalle visioni che fai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' tutto merito dei bei film, sono loro che hanno tanto da dire!

      Elimina
  2. Film stupendo, importantissimo per la nostra Storia e come dimostra la tua disamina, ricco di differenti punti riflessivi. Ne avevo buttato giù due righe anni fa, ancora ai tempi del mio primo blog "di prova". Non le ho mai trascritte su ViS ma ultimamente, la visione di un corto iraniano (Possessed) per tematiche praticamente identiche, mi ha fatto ripensare al film di Rondi, e all'idea per un post speciale dove confrontare le due opere. Ti posso dire, comunque, che a mio parere l'aspetto più interessante risiede proprio nella dualità che Rondi innesca, celando dietro al caso di presunta possessione, in realtà, una nevrosi più di natura sessuale che nasce e si sviluppa in un contesto sociale (come può esserlo quello di una determinata epoca) che, ristretto nel suo bigottismo, ne travisa la reale natura amplificandone la lettura "magica". Personalmente, l'unico "esorcismo possibile" è quello che Friedkin metterà in scena dieci anni più tardi, donando a Reagan (con l'ausilio di effetti speciali) le stesse capacità aracnee della Lavi (l'impressionante scena della "camminata" in chiesa), con la sostanziale differenza che la naturale performance fisica di quest'ultima, invece, ha dell'incredibile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verrò certamente a leggerlo, il tuo post. La scena che nomini, quella della camminata, mi ha scosso non poco, cosa che mi ha sorpreso non poco perché sono bravissima a sottovalutare le cose.
      Adoro i tuoi commenti, hanno sempre qualcosa da insegnarmi.

      Elimina
  3. Ricordo poco anche io di questo film. Probabilmente l'ho sottovalutato. Immagino che una visione ora, dopo aver letto il tuo post, mi darebbe più emozioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, non parliamo di un capolavoro di portata biblica, ma personalmente mi ha lasciato molto!

      Elimina
  4. Scelta decisamente poco usuale, ma coraggiosa (e che apprezzo davvero molto ) parlare de "Il Demonio" proprio a San Valentino.
    Bellissima scelta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie davvero!:)
      In effetti, di amore ce n'è, quello di Purificata per Antonio, quello della famiglia che nonostante tutto cerca di tutelarla...inusuale, ma c'è!

      Elimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Instagram

Google+