giovedì 8 gennaio 2015

Je Suis Charlie

Avrei potuto tacere, e magari avrei fatto anche più bella figura.
Riservare un silenzio rispettoso alle persone che ieri hanno perso un proprio caro.

Ma mi riesce difficile.

Ieri delle persone hanno perso la vita mentre svolgevano il loro lavoro, come ogni altro giorno. Ed è allucinante.
Delle persone hanno perso la vita mentre, lavorando, esprimevano se stesse.
E io, che nel mio piccolissimo spazio rosso ho trovato il mio principale spazio di espressione, in cui posso essere me stessa completamente e senza filtri, l'ho sentita forte come una pugnalata.

Ma non è di questo che mi interessa parlare. E' troppo più grande di me, di tutti. Il terrorismo fa paura, ci inchioda anche nei luoghi in cui ci sentiamo sicuri, ci priva completamente di quella libertà che tanto diamo per scontata.
Ma sono solo una bambina, non posso parlare troppo di queste cose, non ne so a sufficienza.
So solo che mi fa paura.

Ma più ancora, e qui arriviamo al punto che mi interessa toccare, mi fanno paura le reazioni a questo evento.
A fronte di tanti messaggi di cordoglio, di solidarietà, di pensiero per le vittime e le loro famiglie, questi eventi portano con sè l'inevitabile massa di decerebrati, che usa l'evento per parlare di sè, per portare acqua al proprio mulino, per insultare.










No, non entrerò nemmeno nel discorso politico. Non è il Salvini politico che mi preoccupa (sì, ovvio, ma non è questa la sede per parlarne), mi preoccupa l'UOMO. L'uomo adulto e vaccinato che non è ancora in grado di scindere l'individuo dalla comunità.

Perché non possiamo semplicemente unirci nel pensiero del dolore di queste persone?
Perché, per una cavolo di benedetta volta, non siamo in grado di smettere di parlare di noi stessi?
Perché il mio vicino di casa musulmano, che lavora regolarmente e paga le tasse, e non disturba e fa sempre le pulizie condominiali quando è il suo turno, deve sentirsi insultato?
Perché deve essere considerato LUI l'eccezione?
Perché i quotidiani internazionali usano la satira per combattere contro chi la satira l'ha ammazzata e invece quelli italiani mostrano le brutali scene dell'assalto, in modo così atrocemente irrispettoso?

Perché i personaggi famosi sfruttano questi eventi per mettersi, una volta di più, in mostra in tutto il loro splendore?









 Perché siamo così?
Cosa è successo all'etica, al rispetto, alla compassione intesa come semplice 'soffro con te' e non come 'oh, poverino, chissà come stai male'?
Sono io che ho sempre vissuto nell'utopia del bellissimo mondo fatato di quando ero più piccola?



Sono arrabbiata con voi, tutti, miserabili parassiti che non conoscete il dolore vero

E ricordatevi che se per la vostra linea di pensiero tutti i musulmani sono terroristi, allora voi cattolici siete tutti pedofili. Meno male che sono atea.


(Mi dispiace per il post sfuriata, se volete domani recensisco un Woody Allen che così ci calmiamo un po' tutti!:D)

7 commenti:

  1. Vabbè.. hai detto tutto e l'hai detto bene...quindi non aggiungo altro...

    RispondiElimina
  2. ps. Anche perchè se non diventerei volgare (ma i 38 e rotti like sulla foto dell'idiota tartarugato...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che qualsiasi volgarità sarebbe giustificata. E sì, lui è ingiudicabile, ma peggio ancora è chi dà a certi personaggi modo e visibilità per esporsi a questo modo!

      Elimina
  3. Invece hai fatto benissimo a fare un articolo simile. E aggiungo che il mio rispetto nei tuoi confronti, che già era alto, si è alzato ulteriormente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso dire altro se non grazie?:)

      Elimina
  4. Perché, ti chiedi?
    Perché molta gente è sempre stata sciocca e piccina ma almeno 30 anni fa non esisteva un mezzo che dava modo a tutti, anche all'imbecille che non ha un'opinione, non ha una vita ed è frustrato per mille ed uno motivi, di ciarlare a vanvera e diffondere OVUNQUE le sue cazzate, possibilmente sgrammaticate e banali.
    Oggi, purtroppo, questi mezzi esistono. E' l'altra faccia della libertà di espressione, quella stessa libertà che ha causato la morte di tutta quella gente in Francia.
    Questi imbecilli invece non moriranno mai a causa della libertà di espressione perché, di fatto, sono liberi di spandere il nulla. E il nulla non fa paura, anzi. Ci rassicura. Perché, è brutto dirlo, nessuno di noi è Charlie, anzi. In Italia Charlie è stato fatto fuori in maniera indolore e silenziosa già quando io cominciavo a fare l'università, lasciando solo dei pallidi, avvilenti surrogati.
    Che schifo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ragazza, e cosa posso aggiungere io? C?hai ragione.

      Elimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Instagram

Google+