venerdì 16 gennaio 2015

Non solo horror: La città incantata

(2001, Hayao Miyazaki)

Può un film d'animazione giapponese farmi pensare allo zucchero a velo?
Può, se lo firma Hayao Miyazaki.

Ne La città incantata incontriamo Chihiro, che sta affrontando con la famiglia un trasloco.
Giunta nella nuova città, però, il papà intraprende quella che sembra essere una scorciatoia ma che si rivela invece essere una strada chiusa che dà su un tunnel.
Presa dalla curiosità, la famiglia lo attraversa nonostante le proteste di Chihiro, e quello che si troveranno di fronte è un luna park apparentemente abbandonato, in cui però è rimasto attivo un banchetto in cui i genitori di Chihiro si abbuffano.
Peccato che vengano poi trasformati in maiali, e toccherà alla figlia trovare una soluzione a questo incantesimo.

Zucchero a velo, dicevamo.
Io non sono proprio capace di fare da mangiare, sopravvivo a malapena.
I dolci però li so fare, quelli sì. (credo)
E so che lo zucchero a velo non fa altro che addolcire un po' di più, soprattutto se comprate quello vanigliato che è un piacere solo pensarci.
Però se volete che la torta sia più buona ne dovete mettere poco, così è dolcissimo ma non dà fastidio in bocca, non si esagera.


Questo ha fatto questo film.
Ha addolcito la bocca, ha fatto sentire la vaniglia sulle labbra, ha riscaldato il cuore.
Una splendida torta margherita altissima e morbidissima appena sfornata.
Il riferimento alla torta margherita non è certo casuale.

La più semplice in assoluto, la più povera di ingredienti, la più basica.
Ma quanto è buona.
E' strepitosa appena la tiri fuori dal forno, ancora tiepida.
Ma è buonissima anche la mattina dopo, fredda e intinta nel latte.
(Cioè, i normali esseri umani fanno così, io piuttosto che pucciare qualsiasi dolce in qualsiasi bevanda mi ammazzo dal disgusto)

E così La città incantata. Lo guardi una volta, e quanto è bello. Te ne innamori. Poi lo vedi la seconda, la terza, la ventesima. Ed è sempre così incredibilmente bello.



La torta margherita, però, sembra facile ma è infida.
Bisogna saperla fare.
Se non sei capace ti esce stopposa, con i grumi, oppure troppo pastosa che per mandarla giù ci vogliono due scodelle di latte.

Dove voglio arrivare?
Che Miyazaki è un pasticcere strepitoso.
Ha cucinato la migliore delle torte margherite.
Ha sfornato un'opera dalla dolcezza incredibile, ma che non è mai stucchevole. MAI. Ha preparato una torta talmente leggera che mentre la guardi ti sembra che non stia lì, ma che aleggi nell'aria, che il suo profumo riempia la stanza.
E ci ha messo l'AMORE, perché non c'è certo bisogno di guardare la Clerici per sapere che cucinare per qualcuno è una grande dimostrazione d'amore.

Quando i film diventano poesia in immagini c'è ben poco che si possa dire per recensirli.
Si prendono così come sono, con tutte le emozioni che l'Arte, quando è tale, regala a chi ha la fortuna di poterne fruire.





10 commenti:

  1. Non sono un esperto di dolci (ma sul salato posso scrivere libri) ma il paragone è azzeccatissimo.
    Anche se, dolcezza a parte, non vedo La città incantata come una torta basica ma infida, ma come una torta mulstistrato, molto difficile, colorata ma piena anche di parti nere, con tanti ingredienti, alcuni anche misteriosi come i suoi personaggi.
    Probabilmente il mio preferito di quell'essere superiore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Interessante anche questo.
      In realtà l'idea della torta semplicissima e basica è nata più dall'emozione che mi ha lasciato piuttosto che non dagli 'ingredienti' del film.
      In quel caso la tua torta è molto più appropriata!

      Elimina
  2. Capolavoro! Per me un vero trattato sulla crescita e la maturazione. E più di tutte le creature fantastiche e di quelle situazioni assurde, a me ha fatto quasi piangere quel brillare finale dell'elastico per capelli di Chihiro... ci ho visto riassunto tutto il film, in quella scena.
    Sai fare i dolci? Allora mi prenoto una cena da te :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preparati a mangiare solo quelli, allora, a cena, perché primi secondi e quant'altro proprio non ci siamo!:D

      Elimina
  3. Risposte
    1. Ma non troppo, che poi sai le parcelle dei dentisti....

      Elimina
  4. Capolavoro, il meglio el meglio, uno di quei film per cui mi farei chiudere in un loop temporale: vederlo e rivederlo fino a farlo apparire senza fine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente il mio Miyazaki preferito. Non mi stancherei mai di vederlo!

      Elimina
  5. Una meraviglia, forse il mio Miyazaki preferito dopo Totoro e anche il primo che mi ha aperto il favoloso mondo dello Studio Ghibli.
    Mi fa sempre tanta tenerezza lo spirito del nulla, quella maschera che segue bramosa Chihiro, come se in lei trovasse quella pienezza e quell'identità che gli sono sempre mancate.
    Aaah, che voglia di rivederlo! (e che fame, tata! :P)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, devo dire che anche l'orario non aiutava, eh!:D

      Elimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Instagram

Google+