giovedì 5 ottobre 2017

Blade Runner - The Final Cut

DISCLAIMER
Questo post non vuole essere un esaustivo articolo su uno dei film più importanti di sempre perché sapete che a me quelle cose lì mettono soggezione, ma solo una sputacchiata incoerente di opinioni, emozioni e pensieri derivanti dalla visione del suddetto maestoso film.
Insomma, per l'ennesima volta è un post per rassicurare quelle persone magari indirizzate verso un certo film dal partner che hanno paura di morire di noia e di detestare qualcosa che, invece, vi posso garantire è grande davvero.



Ho guardato il vecchio BR perché se un film ha qualcosa a che fare con Villeneuve io lo voglio vedere e quindi domenica pomeriggio sarò in sala a vedere quello nuovo senza se e senza ma. Volevo arrivare preparata primo per dovere di completezza e secondo per non tartassare di domande il povero R che del vecchio BR è un amante.
A lui basta che dare qualcosa che ricordi anche solo alla lontana la fantascienza e gongola come un gatto quando gli gratti il collo, io vedo la fantascienza e volo via sulle ali del vento.
Ero pronta ad un film lungo ventisei ore, noioso come la Via Crucis e pesante come quei biscotti al burro che ho assaggiato ieri e che ancora sono piantati sullo stomaco. Il Final Cut del 2007 è tutto tranne che questo. Non arriva alle due ore e le fa scorrere con una dinamicità e una fluidità che sono un sogno per noi che questo genere lo tolleriamo a piccole dosi.

Un accenno di trama per chi come me abbia vissuto sulla Luna fino a ieri sera.

Siamo nella Los Angeles del 2019. Il mondo non ha più quasi niente di come lo conosciamo, l'inquinamento lo ha reso un pianeta inabitabile e i pochi che sono costretti a restare lo fanno per malattia o povertà. In mezzo a questo panorama desolato, i replicanti. Sono androidi dall'aspetto e dalle caratteristiche quasi identiche a quelli umani, usati per i lavori più beceri. Quando hanno iniziato a sviluppare anche emozioni umane, però, si è deciso di sopprimerli in massa o rinchiuderli in colonie. Sei di loro sono riusciti a tornare sulla Terra e il compito di Harrison Ford sarà quello di cercarli e farli fuori uno per uno alla Dieci Piccoli Indiani.

C'erano tutte le premesse perché me ne fregasse meno di niente. Le scritte iniziali, con cui si viene introdotti alla storia, mi avevano lasciato presagi di morte e sonnolenza. Invece, prima inquadratura.

'sticazzi

Io fulminata. Ragazzi, ragazze costretti a ciò dal moroso o dalla morosa o da un'amica o da un papà appassionato: ne vale la pena.
Ne vale la pena di uscire dalla comfort zone e lasciarsi andare, perché in mezzo al marasma di film di fantascienza di cui onestamente capisco possiate essere pieni, Blade Runner è un sogno. Un sogno fatto di disperazione e desolazione, un sogno fatto di profondissimi dilemmi etici che vanno ben al di là del solito cosa è giusto/cosa è sbagliato. È un'analisi della vita e dei suoi componenti, dell'umanità in ogni sua sfaccettatura, di una società spaccata in due (letteralmente) in cui solo il più debole è costretto a vivere nel marcio, dell'amore impossibile nel suo aspetto più estremo.
È un film che rimette al suo posto (l'angolino della vergogna) chi ancora crede in qualche supremazia, chi ancora cerchi differenze tra le persone, chi dimentica cosa ci rende umani e, quindi, uguali.
Come lo fa? Con immagini indimenticabili.
Se la storia in sè continua a non convincervi, lasciate che le immagini parlino da sè. Se quella prima vista sulla città non vi ha fatto cadere vittime di un amore inesorabile, lasciate che tutto il resto del film, con la sua pioggia incessante e il suo maestoso azzurro onnipresente, vi trascini laddove nessuno vi aveva mai trascinato prima. Nell'Olimpo dei Grandi, dove basta una figura che cammina in controluce per ricordarvi chi comanda.
E vi dico la verità, a me basterebbe un'estetica così strepitosa a farmi innamorare. Tutto è così incredibilmente bello anche quando ritrae il brutto da farmi credere che non possa esistere niente di altrettanto appagante.
(MA non lo farò. Non sarò di quelli che andranno a vedere il nuovo Blade Runner solo per dire che il primo è più bello. Se lo fate state a casa e lasciatemi i posti migliori in sala, grazie.)

Avevo contemplato la possibilità che mi piacesse, ma neanche per un istante ho pensato che mi sarei Innamorata.
E invece il Cinema mi ha fregata ancora una volta.

12 commenti:

  1. "Non arriva alle due ore e le fa scorrere con una dinamicità e una fluidità che sono un sogno per noi che questo genere lo tolleriamo a piccole dosi": ecco, concordo. E allora perché quella bestia di Villeneuve ne ha dovuto girare uno lungo quasi TRE che sta spaventando a morte il povero Bolluomo ancora memore della devastante rottura di gonadi che era Interstellar? XDXD

    Comunque guardando il primo Blade Runner mi è successo un po' come a te: amore. E se anche non sono mai entrata nel novero di fan duri e puri che citano le battute e ricordano ogni minimo dettaglio, le immagini bellissime mi rimarranno sempre nel cuore. E chissenefrega se alla fine Deckart è umano o no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché è un bestione, lo amo così❤ consola il Bolluomo che se sopravvivo io allora è tutto in discesa:D
      E si, chissenefrega, il punto è bellissimo ed è tutto li!

      Elimina
  2. Anche a me a rapito sempre la prima inquadratura, per non parlare di tutte le altre e del film stesso, capace di catturarti e non lasciarti più ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È come una droga, lo rivedrei subito!

      Elimina
  3. Ci ho messo anni, perché ho sempre apprezzato la voce narrante (anche se spesso ridondante) della prima versione del 1982, ma alla fine questa è la mia versione preferita del film, non avresti potuto descriverla meglio. Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Sono sempre tesa quando parlo di filmoni del genere

      Elimina
  4. un film pazzo e a tratti pazzesco
    l'ho visto anche io solo questa settimana, dopo aver visto la messa in onda di Italia1 dello scorso weekend, e la voglia di vedere questo prodotto ad anni ed anni di distanza, fa strano, fa oggettivamente molto strano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ripulita che gli han dato nel 2007 lo ha reso freschissimo e luccicante, come fosse uscito quest anno. è un film miracoloso!

      Elimina
  5. Hai detto tutto.
    Cinema. Quello vero, che ti fa innamorare anche se "non è il tuo genere". E la bellezza travalica tutto.
    Poi ti innamorerai anche dei libri di Dick ed entrerai nel vortice...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, se la fantascienza al cinema non mi attrae, nei libri mi fa dormire alla quarta di copertina. mi ci devo impegnare di più!

      Elimina
    2. Dick non è proprio fantascienza classica, diciamo 😅 prova con "Noi marziani", scoprirai un'umanità sconcertante. Oppure "La svastica sul sole" (uno dei miei preferiti) che è più distopia.

      Elimina
    3. Ecco si la svastica sul sole è in reading list!

      Elimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Google+