venerdì 1 marzo 2019

Cose di Febbraio

Lo so, sto trattando questo povero posto malissimo. Lo mollo, poi lo riprendo, poi me lo scordo...

È solo che per il momento sto dando la precedenza ad altro. La seconda storia per ragazzi by me medesima è finita, sto ultimando le ultime cosine poi la lancerò al mondo, solo che questa volta il mondo non sarà Amazon, almeno non subito. Se andrà male la strada dell'editoria classica tornerò con la coda tra le gambe al grande gigante gentile.
Questo non significa che non abbia visto nè letto niente, questo mese, quindi qualcosina di cui parlare ce l'abbiamo lo stesso, anche se in forma ridotta.
Il post non si chiama Preferiti come al solito perché questo giro niente mi ha rubato il cuore.

Buona parte del mio mese di letture è stata rubata da Delitto e castigo.
Conoscevo Dosto solo da Le notti bianche che mi aveva emozionato come poche altre cose prima di lui, ma prima o poi dovevo fare il salto di qualità. 
Penso sia chiaro a tutti che potendo scegliere il mio grande amore i classici russi non rientrerebbero tra le mie prime scelte, ma Delitto e castigo tocca argomenti che pizzicano la mia sensibilità e lo fa con le parolone grandi e magnifiche che rendono i classici quello che sono. Non diventerà mai uno dei miei libri preferiti, ma figuriamoci se mi metto a sindacare Dostoevskij.
Per riprendermi dall'impegno di una lettura così cicciona sono passata ad un horrorino.

Il libro si chiama Nel buio della mente, di Paul Tremblay. 
Cosa cerca di fare, Tremblay? Ma certo! Di dare uno sguardo fresco e nuovo al tema della possessione demoniaca!
La storia è quella di una ragazza, Merry, che sta raccontando ad una giornalista la storia della propria famiglia. Quando Merry aveva 8 anni, infatti, sua sorella maggiore Marjorie ha iniziato ad avere qualche problema. Lo psichiatra non sembrava aiutarla, così il papà, non senza opposizioni della mamma, si è rivolto ad un prete. La famiglia però inizia ad avere grossi problemi economici, così per rimpolpare le casse decide di partecipare ad un reality show, The Possession, che seguirà tutta la procedura di esorcismo.
Partendo dal presupposto che a me è sembrato un libro senza infamia e senza lode, forse è il caso di argomentare un minimo.
Il punto di vista della sorellina minore è interessante, poteva offrire spunti nuovi e freschi, mentre si limita a farlo solo in parte, perché si ricade nel solito demone intrigato anche dall'altra femmina fragile di casa, che si palesa solo quando c'è lei, eccetera eccetera. Poteva anche non essere male la questione reality show, con i risvolti legati alla notorietà, al rendere pubblico qualcosa di così estremo, invece si accenna alla faccenda in un dialogo e basta, chiusa lì. Il difetto principale del libro è questo, per me: provare a portare in tavola qualcosa di nuovo e non farlo abbastanza. 
Per il resto, poi, è tutta la solita solfa: corpo che non risponde al padrone e fa cose innaturali, parolacce, masturbazione, insulti alla chiesa, camere da letto gelate, dubbio se si tratti davvero di possessione o meno ma nel dubbio facciamo un esorcismo. Bla bla bla.
Detto ciò: a me ha fatto paura? Chiaro che sì, se ci sono posseduti in Redrumia ci facciamo la cacca addosso, fossero anche posseduti scadenti.
Alla fine è un libro utilissimo per staccare la spina, che sembra essere una cosa così ambita, e chi ama le possessioni 'canoniche' ci troverà tutti gli elementi del caso.

Facciamo una breve parentesi Oscar? Facciamola.
Sono contenta per tre cose tre: la Colman, Cuaròn alla fotografia e Spiderman.
Arrivederci e grazie, per il resto possiamo chiuderla qua, perché sebbene tutti sappiamo che il valore vero di un film non lo fanno i suoi premi e tutto quanto, gli Oscar sono e restano comunque per il grande pubblico il punto più alto della carriera di chi lavora in questo ambito, e che La Favorita sia andato a casa quasi a mani vuote per favorire i buoni messaggi e la meraviglia della vita mi fa incazzare. 
Ma mai quanto i costumi e la scenografia a Black Panther. 
Quello proprio è un abominio.

Io quest anno ero partita ben poco preparata, dirò la verità, ma voi avete dato così tanto spazio a Bohemian Rhapsody che avevo ragione io a essere poco preparata, perché è un film osceno, beati voi che vi divertite così poco. E se a farvi uscire esaltati dalla sala è la scena del Live Aid dell'85, cosa che potrei anche capire, basta aprire Youtube. Quello originale sta lì, gratis, ogni volta che volete. Ma sottoporsi alla visione di quella roba lì solo per essere contenta per una scena una è una tortura che nessuno di noi merita. E una canzone dei Queen io ce l'ho tatuata addosso, non è che non mi piacciano loro, è proprio il film che non va bene.

In compenso questo mese ho visto per la prima volta Ritorno al Futuro.
Basterà per compensare?
Ah, sì, e anche Marvelous Mrs Maisel.
Ma di lei parliamo a parte, che è una meraviglia e si merita un post tutto suo.


10 commenti:

  1. Attendo con ansia il post sulla signora Maisel, amatissima anche dalle mie parti, una ventata di buonumore e buona scrittura che sempre rinvigorisce!
    Sulle cose di febbraio, hai fatto aumentare il mio senso di colpa, visto che ogni inverno mi concedo un classico russo e siamo a marzo e non ne ho ancora trovato il tempo. Pur avendo divorato accompagnata dall'ansia e dai sensi di colpa questo Dostoevskij, ho capito di preferirgli Tolstoj. Ma mi sa che dovrò optare per qualcosa di più breve se voglio tenere fede alla mia promessa con me stessa.

    Sugli Oscar posso solo dire che sono felice di essermeli lasciati alle spalle in modo quasi indenne, poteva andare peggio, poteva vincere tutto Black Panther a cui si sono già concesse troppe statuette. E su Freddie, vince l'emozione facile. Salvo poco del film, scritto e strutturato male, ma le lacrime si son fatte sentire. Anche se sì, quella ricostruzione finale l'avrei evitata per godere ancora una volta dell'originale. Ma chi siamo noi per fermare un successo inarrestabile? È ancora in programmazione al mio multisala e non accennano a toglierlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh ma un classico russo ogni inverno, che bravona!
      Anche da me è ancora fuori BR, tutte le persone della vita vera che mi circondano lo hanno amato, ma a me proprio non ha emozionato come avrei tanto voluto, e non sono riuscita a passar sopra alla bruttezza della sceneggiatura!
      Ci risentiamo per parlare di Midge ❣️

      Elimina
  2. Sì beh, per me può bastare per compensare aver visto Ritorno al Futuro ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho recuperato per le altre brutture viste!:D

      Elimina
  3. "se ci sono posseduti in Redrumia ci facciamo la cacca addosso, fossero anche posseduti scadenti."
    Mamma mia quanto ti quoto.A me il discorso possessioni ma sopratutto "anime inquiete di morti che non trovano pace" fanno cacare sotto in automatico XD

    Con chi esce il tuo libro nuovo?Che lo metto subito in ordine per negozio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh mi sa che è proprio un argomento generale di paurella per tutti!
      Ahahaha alla fine mica è ancora finito. Mi sono sognata di aggiungere delle cose e adesso è di nuovo in lavorazione! Ma non ho un editore ancora, prega per me che a qualcuno piaccia:D

      Elimina
  4. E' parecchio che vorrei leggere il libro di Tremblay. Potrebbe essere l'occasione giusta.
    E degli Oscar non ne parliamo, vah.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è che sia brutto, per carità, però poteva essere tanto di più e mi dispiacciono sempre queste occasioni sprecate. Oscar quest anno proprio da dimenticare. Almeno mi riguardo il discorso della Colman quando sono triste.

      Elimina
  5. Il libro di Tremblay m'ispira molto, ho seguito il tuo consiglio e ho letto L'esorcista, quindi ora sono pronta ad affrontare qualsiasi lettura demoniaca! Che paura però... anche se devo dire che il film mi ha traumatizzata di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, che bello! Sì, forse leggere il libro dopo aver visto il film lo alleggerisce un po' in effetti, ma per me è una delle cose migliori mai scritte! Fammi sapere se poi Tremblay ti piacerà altrettanto!

      Elimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Google+