mercoledì 15 maggio 2013

Masters of Horror: La casa delle streghe

(Prima stagione, secondo episodio)
Titolo originale: Dreams in the witch house
Regia: Stuart Gordon
Trailer:



Prima di tutto, un'ammissione di colpa: non ho mai visto niente di Gordon. Vi dirò di più, ho dovuto Wikipediarlo. Ho chiaramente delle lacune da colmare.
Detto ciò, torniamo ai nostri MOH, con questo secondo episodio, dove incontriamo uno studente, Gilman, che prende in affitto una camera in una pensione. Ora, io capisco che gli studenti siano notoriamente poco abbienti, ma per beccare una camera così devi essere proprio povero in canna.
Ma tant'è, lui se la piglia, sprezzante del pericolo.
Il vicino di casa lo avverte della presenza di una strega, ma nel 2005 davvero c'è qualcuno che crede ancora alle streghe?
E invece. . .



E invece MEH.
Parto subito col dire che l'ho visto in italiano e vi presento amici cari il doppiaggio più comico che io abbia mai sentito. Per chi l'ha visto: al 'Fiiiiiiiirmaaaaaaaaaaa' della strega avete messo in pausa per ridere vero? E la voce del topo?
Ora, scherziamoci pure su, ma il doppiaggio ha un ruolo fondamentale, rischi di mandarmi a verze tutta la tensione che posso aver accumulato.
E rimanendo sulla tensione, qui proprio non ci siamo. Rimandato a settembre.
La questione è questa: se hai solo un'oretta scarsa da far fruttare, non è che puoi permetterti molto.
O mi dai molto sangue, o mi dai molta tensione. Non ti chiedo di analizzarmi la rava e la fava dei personaggi, ma insomma, una motivazione per non spegnere me la dovrai pur dare.
E gli attori? Il protagonista è Ezra Godden (volevo Wikipediare pure lui, ma pagina inesistente), che per tutto il tempo ha tenuto un'espressione sgrunt troppo divertente, accompagnata da un semicostante 'Oh mio Dio', altrettanto divertente.
Così come di molto divertente c'è il topo!
(La parola di oggi è DIVERTENTE, il 15 maggio si celebra la giornata dedicata ai sinonimi e ai contrari.)
Senza spoilerare nulla, vi rivelo che uno dei personaggi principali della vicenda è un topo con la faccia umana. E tutti giù a pensare a Peter Minus.
E non è finita con Harry Potter, perchè quando finalmente lo studente si trova a leggere il Necronomicon noi spettatori ci troveremo di fronte il Libro Mostro dei Mostri.
Quello che gli aveva fatto comprare Hagrid, per intenderci.

Passiamo poi al make up. Come ve la immaginate una strega?
Io la immagino molto brutta, MOLTO brutta, molto molto rugosa, con i denti malmessi e un enorme neo peloso.
Questa strega, perchè sì, ce la fanno vedere molto bene per tutto il tempo, è una vecchina con un po' di rughe e le occhiaie. Cioè una nonnina normale.
Vorresti dire che le nonnine sono streghe?
DISCRIMINATORE.



Sempre restando sulla strega, vi posso raccontare che la suddetta appariva solo nel momento in cui Gilman si addormentava e, pensate un po', l'ha graffiato. Nel sequel la faremo anche vestire con una maglia a righe e cantare '1, 2, 3, Freddy vien da te'?
Ok, ok, forse parlo così perchè il testo di Lovecraft (da cui tutto l'ambaradan è tratto) non l'ho letto, ma insomma, i collegamenti mentali partono da soli.
Ah, e compariva preceduta da una luce viola. Dico davvero.

Non si racconta abbastanza la vicenda della strega, lui sembra essere giunto alla conclusione per ispirazione divina, visto che il Necronomicon l'avrà sfogliato due minuti, e la spiegazione che ci è data è fuori di testa.
Poi ti chiedi perchè sia finita così, eh cara il mio ragazzo. . .

Ho letto alcune recensioni che lodavano proprio il finale, ma mi dispiace riconoscere che per me anche quello si è mantenuto sul livello medio-basso del resto del film.

Parliamo anche del fatto che Gilman si è trovato di fronte quella che credeva essere la sua vicina di camera nuda e non si è fatto scappare l'occasione. Io capisco che sei cciòvane e carpe diem, ma insomma, proprio così tranquillamente te la porti a letto che è la seconda volta che la vedi?

Tutti uguali voi uomini, tutti uguali.

10 commenti:

  1. Omonero dice:
    Letto, approvato e sottoscritto....ma ti sfido a trovare una trasposizione decente di un qualsiasi prodotto lovecraftiano. Qualcosa di decente si contano sulle dita di una mano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come darti torto, ma credo che le mie opinioni sarebbero le stesse a prescindere dalla 'derivazione' della faccenda!

      Elimina
  2. A quanto pare allora anche Gordon si è ridotto male... Sicuramente meglio ricordarlo per i suoi primi lavori, "Re-Animator" e "From Beyond". Te li consiglio, credimi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. From beyond è in lista, ma se mi dico così li recupero entrambi!

      Elimina
    2. Omonero dice:
      ...entrambi tratti da storie di Lovecraft! ;-)
      P.S. Mi scuso per il commento di prima, scritto con un'orrenda grammatica!

      Elimina
    3. Ahah, se non me l'avessi fatto notare onestamente non me sarei accorta:D

      Elimina
  3. Santo Dio, e pensare che io non ho dormito la notte per l'ansia che mi aveva messo l'episodio.
    E poi il topo sarà anche ridicolo ma io non lo potevo vedere!!
    (P.S. Col cavolo che ho visto l'episodio in italiano, ovviamente... forse è per quello).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. é un triste giorno questo Bolla, il nostro totale disaccordo:D
      (può essere, non me ne stupirei!)

      Elimina
  4. Ma se tutte le tue recensioni sui film horror sono così divertenti, prima o poi riuscirò a vederne qualcuno, senza la mano che copre parzialmente gli occhi e il cuscino a portata di mano.

    Tratto da Lovecraft e la sua "Casa delle Streghe" direi che è venuto malissimo.
    Il grandissimo autore americano, riusciva a spaventarmi semplicemente descrivendo una strada che portava verso il nulla.
    No, dico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille davvero! Ma sono sicura che questo lo potresti tranquillamente guardare ad occhi scoperti!
      Quanto sono d'accordo, a me continua a far paura anche se so già come finiranno le storie..

      Elimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Instagram

Google+