Visualizzazione post con etichetta youtube. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta youtube. Mostra tutti i post

venerdì 24 aprile 2015

Dylan Dog - Vittima degli eventi

14:12
"Oh, ciao, cinema italiano, quanto tempo! Tutto a posto?"
"Mari, ciao, mah insomma, al solito!"
"Ero preoccupata per te, tutti dicevano che sei morto, ho sentito le campane. . .mi sono allarmata! Sei stato un giovane glorioso, era un peccato perderti così!"
"Beh, non sono in formissima. Non sono invecchiato bene. Certo, ero proprio un bel ragazzo, eh?"
"Ah, se eri bello! Te lo ricordi Mario Bava?"
"Se me lo ricordo! Oggi non viaggiamo più su certe cime, ragazza mia. . ."
"Eppure, qualcosina si muove! O no? Ho letto certi articoli interessanti su qualche progetto indipendente, qualcosina di horror. Mi sbaglio?"
"Sempre la solita, coi tuoi film dell'orrore! Però hai ragione, ci sono diversi giovani che si stanno buttando a cercar di smuovere un po' queste mie ossa arrugginite!"
"E funziona?"
"Come in tutte le cose, dipende. C'era stato quell'Evil Things, hai presente? Non era andato troppo bene."
"Ho sentito belle notizie sul tale di youtube che ha fatto un film su Dylan Dog, però, che mi dici? Merita una visione?"
"Intanto merita una visione perché te lo trovi gratis sul tubo, e lo so che sei tirchia, tutto ciò che è gratis va bene. Poi, credo potrebbe piacerti, sul serio."
"Tu dici?"
"Credo di sì, la storia è molto semplice: ragazza con visioni che si rivolge all'indagatore dell'incubo per risolvere il suo problema."
"Beh, basica."
"Sì, quello sì. Ma a fronte di un progetto così ambizioso, non è nemmeno un male. Storia semplice ma niente lasciato al caso. C'è tanta attenzione ai dettagli. E poi, lo dirige quello youtuber che tanto ti piace, Claudio Di Biagio!"
"Ah, è vero! Io Claudio lo adoro. Mi fa molto ridere quando vuole far ridere e lo trovo appassionato ed appassionante quando parla di cinema. Un talento vero."
"Si vede, si vede, questa passione che ha. E non è nemmeno un pirletto che si è messo dietro la camera dal nulla. Ha studiato, ha fatto le sue esperienze . . ."
"E la fotografia? Cosa mi dici della fotografia?"
"Ahhhhh, hai centrato subito il mio punto preferito. Bella, bellabella. Opera di un altro youtuber, Matteo Bruno."
"Ma chi, Cane Secco? MAVVA'!"
"Sì, proprio quello lì. Ha fatto davvero un bel lavoro."
"Mi fa piacere, davvero. Mi sta molto simpatico anche lui."
"Certo, non era semplice toccare Dylan Dog, eh. Potevano o essere accusati di estremo coraggio o di estrema coglioneria. Ma tutto sommato l'aria del fumetto si respira abbastanza. Forse la casa me la immaginavo più 'chiara', ma tant'è. E' il rischio che si corre con un fumetto in bianco e nero che diventa un film a colori."
"Direi che mi hai convinta a vederlo. Ma ce l'avrà un difetto, sto film?"
"Dylan Dog."
"Eh?"
"Il difetto di Dylan Dog è Dylan Dog, l'attore. Troppo serioso, quasi appesantito da se stesso."
"Peccato! Ma Groucho? Dimmi di Groucho?"
"Ecco, lui invece ha completamente vinto la sfida! Credibile, naturale, divertente. Non era semplice, eh, eppure se l'è portato a casa con una gran dignità."
"Caro il mio cinema, mi hai convinto! Vado a casa a vederlo."
"E tu, Marikì? Quando ce lo sforni un cortino, magari di tensione. . ."
"Si vede che sei invecchiato, bello, straparli! Ti tengo un posto al ricovero per quando Di Biagio & co. si ritirano!"


domenica 23 febbraio 2014

ESP - Fenomeni Paranormali 2

09:22
(2012, John Poliquin)



ESP - Fenomeni Paranormali (senza il 2 dietro, per intenderci) parlava di una troupe televisiva che entrava in un ospedale psichiatrico a girare delle riprese per verificare la reale presenza o meno di eventi paranormali all'interno dell'edificio.

ESP - Fenomeni Paranormali 2 parla invece di Alex, aspirante regista di film horror che crede sia una buona idea entrare nell'ospedale psichiatrico sede del primo film per controllare se gli eventi lì narrati fossero finzione o avvenuti realmente.

Il (solo?) punto a favore del film è l'idea di partenza. Mettere il film precedente in discussione, rivalutarlo, indagare, non è affatto male. Guardiamo film tutti i giorni partendo dal presupposto che niente è vero, e questo 'dettaglio' è di fondamentale importanza soprattutto quando si guarda un horror. Se si vedesse una commedia romantica 'reale' sarebbe come guardare un filmino di nozze, non è niente di che. Un film horror vero diventa snuff, e noi che lo guardiamo passiamo dall'essere semplici appassionati di un genere a non troppo sani di mente.
Quindi è un punto di vista interessante.
Peccato che finisca lì. La parte interessante, dico.


Il protagonista, Alex, the king of imbecilli, è uno youtuber appassionato di horror che sogna di girare il proprio film. Quando gli balza all'orecchio che forse ESP riprende eventi reali, uh, si emoziona un casino e segue gli indizi che un altro utente Youtube gli manda per scoprire l'arcano. Lo sapete come si chiamava l'utente? La morte aspetta. Ma dico, può essere un buon segno una cosa del genere? E infatti.
In generale, comunque, il Q.I. non è straordinario, ecco, diciamo che i ragazzi non eccellono per doti cognitive.
Manco i traduttori, tra l'altro, visto che hanno tradotto torture porn con porno horror. L'hanno fatto davvero. 

Siccome nessuno di loro prenderà mai il Nobel per la scienza, capite che anche i dialoghi lasciano perplessi. Va da sè che non vinceranno mai manco il Pulitzer. Esempio?
Signora: 'Si, John è uscito, ha detto che torna tra poco.'
Alex: 'Ma è vivo?'
Ora. Io capisco che parlando con gli anziani il rischio di demenza senile è alto e va bene tutto. Capisco anche che il dubbio sia lecito, vista la fine che avevano fatto gli altri.
Ma sono domande da fare?


Dopo varie vicissitudini i ragazzi riescono a entrare nell'ospedale. E io ancora dopo più di mezzora di film non capisco perchè. Perchè siete deficienti, ecco perché. Una volta dentro, il film cala vertiginosamente. Non che prima fosse il capolavoro del nuovo millennio, ma quantomeno aveva trovato una sua originalità. Originalità che poi va completamente persa nei corridoi insieme alla mia voglia di continuare a vedere il film.
Non fa paura, ma questo ce lo aspettavamo, ma nemmeno uno spaventino piccino picciò, proprio niente. I fantasmi non inquietano, i ragazzi sembrano spaventati quanto me in questo momento (per dovere di chiarezza, no, non sono spaventata), non ci sono risvolti inaspettati nella trama, non ci sono morti che rimangono impresse. Ma niente di niente, il nulla cosmico. Ah, no, ad un certo punto il fantasma decide di terrorizzarci a morte e lo fa aprendo la bocca e basta.

Ad inizio film però ci sono una serie di Youtuber che fanno recensioni positive sul primo ESP. (tranne Alex, perchè lui di cinema se ne intende, se non fosse chiaro) avrei dovuto capirlo cosa stavo per vedere. Avrei. Dovuto. Capirlo.

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter