sabato 29 settembre 2012

Martyrs, Pascal Laugier


Titolo originale: id

Anno: 2008

Durata: 97 min.

Me tocca fà la recensione seria.

Premetto che io mi accingevo a guardare questo film con un odio di partenza verso i torture porn. E già immagino: 'Ma che, è un film come Saw?' No, decisamente no. È però vero che parliamo di un film con un livello di violenza come non ho mai visti prima. Mi ha costretta a girare la testa, più volte. Soprattutto perchè non è solo violenza fisica come si può vedere nei vari Hostel, ma è unita ad una tale sofferenza mentale che è inimmaginabile, nelle nostre vite 'normali'. E meno male.

Tenuta prigioniera per due anni e sottoposta a orribili sevizie, Lucie riesce a scappare. Viene portata in una clinica, dove stringe un legame fortissimo con Anna, una ragazzina della sua età. 15 anni dopo, ritrova la famiglia che le aveva fatto del male, e ora si vuole vendicare.
 
 
 
 

Sfido chiunque a restare indifferente a questo film. È un unione di dolore fisico indescrivibile, grandi quesiti etici che 2000 anni di catechismo cattolico non hanno risolto, violenza psicologica distruttiva, sincero valore di un'amicizia che supera ogni cosa, studio del modo in cui la mente umana affronta la sofferenza..è pazzesco. Ma andiamo con ordine.

Inizia il film, e vedi questa ragazzina, Lucie, così sofferente, così turbata, così problematica, che non puoi fare altro che domandarti che cosa cavolo le abbiano fatto per ridurla così e provi una pena indicibile, e una gran rabbia, per quello che l'uomo può fare. Poi arriva l'amica, Anne, l'affetto, l'umanità, il calore umano, e pervade un senso di speranza. Ok, ha avuto un passato tremendo, ma sta cominciando ad aprirsi al mondo, può avere un futuro radioso. E invece no, chiaramente. Ma tra loro due, nel bene e nel male rimane questo legame che è commovente. Se da un lato la figura di Lucie è così complessa e disperata, dall'altro Anna è generosa, umana, compassionevole. Due interpretazioni tra le migliori che io abbia mai visto, assolutamente strepitose. (Anna è interpretata da Morjana Alaoui, Lucie da Mylène Jampanoi.) Dopo 15 anni di serenità viene rintracciata la famiglia che ha causato tanto dolore, e tutto riemerge, tutto il trauma subito risale in superficie e quando sei così ferito non puoi che lasciarti sopraffare. Quindi scatta l'empatia. La vendetta è sbagliata, ma come si può biasimarla?
 
 
 
 

Lucie commette un atto terribile, per liberarsi di tutto quello che ha dentro, ma non si può provare altro che ancora pena, per lei e quello che ha subito. Il film prosegue, e si succedono dolore, stupore, incomprensione, frustrazione, altra rabbia, disgusto, dubbio, inquietudine, rassegnazione. Durante la visione non c'è un attimo di tregua, è un susseguirsi di grandi emozioni che dura solo un'ora e mezza. (E per fortuna, di più non avrei potuto sopportare.)

Vorrei poter dire che c'è un crescendo, che si arriva gradualmente alla parte violenta, ma non è così, è paralizzante da subito. Niente introduzioni, niente sviolinate, niente presentazioni. Cinque minuti e sei già sconvolto. Ma solo perchè non sai cosa succede dopo, ancora peggio. Non ci sono perdite di tempo, è crudele anche il modo in cui si vive da subito questa situazione assurda, anche attraverso i ricordi di Lucie. La cosa migliore, poi, è che i dialoghi non sono mai troppi. Sono esattamente quello che immagino direi io in una situazione del genere. (Spergiuri vari.)
 
 
 
 

Arriva un punto, poi, in cui Anna scopre cosa era successo all'amica durante la sua prigionia, e in quel momento pensi che sia finita. Ma no, altro vortice. Tutto questo circolare di emozioni che nella seconda parte del film si concentra sulla domanda. 'Cosa c'è dopo la morte?' ma soprattutto: 'Cosa è disposto a fare l'uomo per saperlo?'

Il tutto conduce a un finale assolutamente azzeccatissimo, anche se, ammettiamolo, un po' paraculo.

97 minuti di film che non conducono a nulla, ma è giusto che sia così.

Non so se dormirò bene, stanotte.


7 commenti:

  1. A livello di tensione e violenza visiva mi sconvolse - e sono uno che si vanta di avere uno stomaco dio ferro -ma quello 'teologico' mi infastidì molto. Paraculo e scontato come dici te, alza temi molto interessanti ma li botta nel cesso con facili scappatoie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo stomaco di ferro fingo orgogliosamente di averlo, poi però gli occhi li chiudo alla svelta:)
      Paraculissimo, ma a me non era dispiaciuto nemmeno questo aspetto. E benvenuto:)

      Elimina
    2. Grazie del benvenuto. E' un blog interessante, anche se ancora piccolo, quindi era mio dovere approfondire :D

      Elimina
  2. Ottima segnalazione Mari, grande filmone! A livello di cattiveria Martyrs è paragonabile solamente al connazionale A L'Interieur (2007) che se non hai già visto te lo consiglio vivamente, l'unica differenza è che la violenza nel film di Bustillo e Mauri è tutta di pancia, mentre in Martyrs è soprattutto psicologica, il che è già un suo punto a favore. Per quanto concerne il finale è stato parecchie volte punto di discussione, personalmente l'ho trovato perfettamente azzeccato e coerente con il resto. Il classico spiegone a tutti i costi il più delle volte non serve, in questo caso avrebbe solamente teso ad abbassare la pellicola agli standard più comuni, togliendole come dici tu "Me tocca fà la recensione seria" quella serietà che lo contraddistingue, quando invece è proprio il finale che eleva Martyrs e lo distanzia dal puro film di genere per avvicinarlo ad uno stile più autoriale. Ciao :)

    RispondiElimina
  3. A l'interieur è nella mia lista da un po', aspetto in grazia di avere il tempo di cercarmelo! Sono assolutamente d'accordo su tutto, il finale ha diviso le opinioni, ma a me ha convinto del tutto!:)Ciao!

    RispondiElimina
  4. A me ne ha parlato un amico di questo titolo, ma dopo aver visto qualche immagine non credo proprio di riuscire a vederlo.
    Preferisco di gran lunga i film che incutono terrore solamente a livello psicologico, la violenza gratuita non l'ho mai sopportata e infatti non sopporto la serie Saw.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia recensione non gli rende giustizia nemmeno lontanamente. Nel 2013 non avevo certo i mezzi per parlare in modo degno di Martyrs ne' purtroppo li ho ora. Ma credimi, questa violenza e' tutto fuorche' gratuita.

      Elimina

Facebook

Disclaimer

La cameretta non rappresenta testata giornalistica in quanto viene aggiornata senza nessuna periodicità. La padrona di casa non è responsabile di quanto pubblicato dai lettori nei commenti ma si impegna a cancellare tutti i commenti che verranno ritenuti offensivi o lesivi dell'immagine di terzi. (spam e commenti di natura razzista o omofoba) Tutte le immagini presenti nel blog provengono dal Web, sono quindi considerate pubblico dominio, ma se una o più delle immagini fossero legate a diritti d'autore, contattatemi e provvederò a rimuoverle, anche se sono molto carine.

Twitter

Instagram

Google+